> POS mobile > Confronto > Confronto tra i 2 migliori lettori di carte di credito – iZettle vs SumUp

Confronto tra i 2 migliori lettori di carte di credito – iZettle vs SumUp

Di Adriana Capasso|2019-01-16T09:11:20+00:004 Gennaio 2019|Tag: , , |

iZettle e SumUp sono due lettori di carte di credito portatili, grazie ai quali è possibile accettare pagamenti con carta ovunque.

Questi dispositivi, anche noti come POS mobile, funzionano insieme ad uno smartphone o un table ed elaborano le transazioni attraverso un’applicazione di semplice utilizzo.

In apparenza simili, questi due terminali trovano le loro differenze nel piano tariffario e nelle funzionalità aggiuntive. In questo confronto scopriremo perché i due servizi sono diversi e quale delle due offerte è più indicata a seconda delle esigenze.

sumup-logo

Consulta l’offerta
Consulta l’offerta
SoluzioneLettore + appLettore + app
Prezzo del POS mobile
€ 39 € 19 + IVA
(qui uno sconto esclusivo)
79 € € 19 + IVA
(qui uno sconto esclusivo)
Canone mensileAssenteAssente
Tariffa per transazione1.95%2.75% – 1.0%
Accredito su conto corrente
3-4 giorni2-3 giorni
Carte accettate
Contactless
Apple Pay e Google Pay
Catalogo prodotti
Inventario e scorte
di magazzino
Profilo per membri
dello staff


Consulta l’offerta


Consulta l’offerta
Soluzione
Lettore + appLettore + app
Prezzo
€ 39 € 19 IVA esclusa (sconto esclusivo qui)€ 79 € 19 IVA esclusa (sconto esclusivo qui)
Canone mensile
AssenteAssente
Commissione per transazione
1.95%2.75% – 1.0%
Accredito su conto corrente
3-4 giorni2-3 giorni
Carte accettate
Contactless
Apple Pay e Google Pay
Catalogo prodotti
Inventario e scorte magazzino
Profilo per membri staff

Commercianti, artigiani e professionisti che si servono del terminale POS con bassa frequenza rischiano, rivolgendosi agli istituti bancari, di incorrere in oneri economici e costi fissi da corrispondere inderogabilmente ogni mese.

I lettori di carte per smartphone iZettle e SumUp presentano entrambi un piano senza costi fissi e permettono di pagare solo in caso di utilizzo del dispositivo.

Perché sono diversi dalle soluzioni delle banche?

Rivolgendosi ad una banca, il commerciante o professionista dovrà sottoscrivere contratti vincolanti nel tempo, solitamente della durata di 24 mesi.

Per l’intera durata del contratto, le banche chiedono al titolare dell’attività di corrispondere un canone mensile – indipendentemente dalla frequenza d’uso del terminale POS o dal volume dei pagamenti ricevuti.

Manutenzione, limiti minimi di entrate mensili e clausole aggiuntive possono infine determinare l’applicazione di ulteriori e inattesi costi.

iZettle e SumUp non prevedono canone mensile. In altre parole, si paga solo se si usa. Di seguito le caratteristiche condivise dai due servizi concorrenti:

  • Apertura rapida dell’account online

  • Non è necessario cambiare banca

  • Senza canone mensile

  • Facili da configurare e usare

  • Trasparenza totale sulle commissioni

  • App intuitive e complete

Commissione fissa o variabile, da scegliere in base agli incassi mensili

Non essendoci canone mensile o altre spese periodiche, sia iZettle che SumUp si sostengono in via esclusiva con la commissione per transazione. Si tratta di una tariffa applicata ad ogni pagamento ricevuto con il lettore di carte di credito.

SumUp propone una commissione fissa pari all’1.95% dell’importo incassato con il suo POS per smartphone Ad esempio, se il cliente paga con carta un conto di 30 euro, la commissione trattenuta da SumUp sarà di 58 centesimi (ossia l’1.95% del totale incassato).

Si tratta di un piano tariffario molto semplice, immutabile, adatto agli esercizi commerciali oppure ai professionisti che accettano una quantità limitata di pagamenti con carta. Come stiamo per vedere, dopo una certa soglia di incassi iZettle si rivela più conveniente.

iZettle propone una commissione variabile che premia chi accetta mensilmente un volume più alto di pagamenti con carta. Vale a dire che la tariffa si riduce all’aumentare degli incassi attraverso POS mobile iZettle. Si parte con una commissione massima del 2.75% ma si può giungere ad una commissione minima dell’1.00% del totale.

Nella tabella che segue potrete consultare a quale soglia di incassi mensili avviene la riduzione della commissione di iZettle, posizionando il cursore sulla linea blu.

iZettle diventa più economico a partire da € 6.200 di incassi mensili. Raggiunta questa soglia, la sua commissione diventa inferiore a quella del concorrente SumUp.

Entrambi i prodotti possono essere acquistati con uno sconto esclusivo cliccando sugli appositi link:

Nei paragrafi successivi approfondiamo le funzionalità gestionali delle applicazioni.

L’app di iZettle è più completa

In quanto alle funzionalità delle applicazioni, la vittoria va assegnata a mani basse ad iZettle. Detto ciò, l’app SumUp è più essenziale ma non meno efficiente. Rimane una delle migliori in ambito di POS mobile.

Con la sua app iZettle Go offre una varietà di funzioni ideali per l’intera gestione dell’attività.

Entrambe le applicazioni sono disponibili per il download gratuito su App Store per dispositivi iOS-Apple, su Google Play per dispositivi Android. Sono compatibili con smartphone e tablet.

Catalogo dei prodotti

Si inizia con la creazione di un Catalogo dei prodotti (o dei servizi) o l’importazione dello stesso da file Excel e simili. Ogni articolo può essere arricchito con un’immagine e, naturalmente, con il prezzo.

Anche SumUp permette la creazione di un catalogo dei prodotti, semplice da utilizzare e curato nella grafica, tuttavia non dà la possibilità di importarlo da un elenco esistente.

Impostato il catalogo basterà quindi selezionare i prodotti scelti dal cliente per il calcolo automatico del totale.

Il catalogo dei prodotti iZettle permette di selezionare e calcolare rapidamente il totale

Il catalogo dei prodotti permette di calcolare rapidamente il totale.

Pagamento in contanti

Entrambe le applicazioni offrono la possibilità di selezionare anche il pagamento in contanti.

A cosa serve? Anche se il cliente non paga con carta, le app di iZettle e SumUp consentono di inserire manualmente gli incassi ricevuti con banconote e monete con lo scopo di tenere traccia della contabilità.

Contabilità

La funzione Contabilità, presente in entrambe le applicazioni, tiene traccia in maniera automatica di tutti i pagamenti ricevuti attraverso il relativo lettore di carte di credito.

Se l’esercente inserisce manualmente anche i pagamenti in contanti, otterrà infine un resoconto completo da esportare in un documento e trasmettere al commercialista.

I resoconti sono giornalieri, settimanale e mensili e contengono le informazioni relative alle commissioni per le transazioni con carta.

Con SumUp si registrano anche i pagamenti in contanti per un resoconto completo sul transato

Inventario e scorte in magazzino

Non meno importante è la funzione Scorte in magazzino, presente solo in iZettle.

L’esercente potrà tenere sotto controllo l’inventario del suo negozio e, impostando le notifiche per esaurimento scorte, sarà automaticamente avvertito dall’app iZettle Go della carenza di un determinato prodotto.

SumUp non offre questa funzione, bensì si limita al catalogo dei prodotti.

Staff

Con i profili per i membri dello staff emerge nuovamente la superiorità dell’applicazione di iZettle. Chi sceglie questo terminale potrà infatti creare profili dedicati ai dipendenti con permessi limitati.

Ad esempio, potremo permettere al cassiere di accettare pagamenti con carta nonché di registrare i pagamenti in contanti, ma allo stesso tempo bloccheremo il suo accesso ai resoconti sui ricavi e alle funzione aggiuntive per la gestione dell’attività.

Il titolare, ossia chi detiene l’account principale, potrà assegnare determinati permessi e toglierne altri in base alle funzioni svolte dal dipendente, preservando così la privacy e la sicurezza della sua impresa.

iZettle Go permette di tracciare le scorte in magazzino e di essere avvisati in anticipo in caso di esaurimento. L’app è disponibile anche in lingua italiana.

Registrazione e inizio rapido per entrambi i lettori

I servizi di SumUp e iZettle vengono gestiti interamente dall’utente, compresa la fase di richiesta del lettore di carte senza fili.

Chi desidera acquistare uno dei due dispositivi dovrà visitare il sito web del prodotto scelto e procedere alla registrazione – che richiede in entrambi i casi pochi minuti – quindi all’acquisto del terminale portatile.

La richiesta del terminale POS avviene in pochi minuti

Nessun contratto vincolante dovrà essere sottoscritto. Commercianti e professionisti avranno totale libertà nell’uso dei lettori di carte, senza alcun tipo di vincolo di durata.

Il dispositivo acquistato verrà consegnato presso il domicilio entro pochi giorni dall’acquisto. Lo stesso utente procede alla configurazione del POS mobile.

Gli accessori disponibili

Pensato inizialmente per la ricezione dei pagamenti in mobilità, le notevoli funzioni del gestionale iZettle lo hanno via via trasformato in un sistema completo per sostituire la cassa tradizionale.

L’azienda ha così deciso di arricchire la propria offerta con un supporto da tavolo, il Dock, grazie al quale le interazioni con il lettore di carte portatile risultano più agevoli. Il cassetto portasoldi completa infine una proposta che desidera in tutta evidenza sconfinare oltre il settore mobile.

Al momento SumUp non fornisce, sul mercato italiano, un supporto per il suo lettore.

I tradizionalisti potranno invece affiancare ad entrambi i dispositivi apposite stampanti compatibili per fornire al cliente il classico scontrino cartaceo non fiscale.

iZettle Reader 2 con Dock

iZettle Dock è un supporto da banco per il lettore di carte

iZettle vs SumUp: quale scegliere?

Nel corso di questo confronto tra i due migliori lettori di carte di credito disponibili in Italia abbiamo constatato che la proposta iZettle è più completa. Detto questo, tale circostanza non dovrebbe influire sulla scelta finale e di seguito ne spieghiamo i motivi.

Se sei titolare di una piccola azienda, di un piccolo negozio o un professionista ti invitiamo a focalizzare l’attenzione sulle spese complessive, in tal caso rappresentate dalla commissione per transazione.

SumUp chiede sempre, a qualsiasi condizione, l’1.95% dell’importo incassato. Si tratta di una tariffa conveniente qualora il transato resti al di sotto dei € 6.200 mensili. Al superamento di questa soglia, invece, la tariffa flessibile di iZettle diventa più economico rispetto al concorrente.

È importante dunque giudicare l’andamento dell’attività e osservare il peso dei pagamenti con carta sugli incassi mensili. Se abitualmente si oltrepassa la soglia menzionata nel paragrafo precedente, allora la scelta dovrebbe ricadere senza indugio sulla soluzione più completa, ossia iZettle.

Questo potrebbe non essere il caso delle piccole attività che, magari per loro natura, accettano prevalentemente pagamenti in contanti – si pensi a bar, pizzerie, estetiste e parrucchieri che operano in paesini della provincia, ancora legati a banconote e monete.

SumUp può inoltre essere utile per le consegne a domicilio, per le quali potrebbe sorgere l’inconveniente del resto o addirittura la rinuncia di un cliente ad effettuare un ordine per mancanza di contanti. In questo caso, il POS mobile con commissione fissa si rivela un alleato da affiancare al POS tradizionale usato in negozio.

Richiedi SumUp
Richiedi iZettle