La nostra valutazione(4.5/5)
Revolut Business offre conti online (anche gratuiti) per aziende e professionisti
Caratteristiche
  • Società: Revolut Ltd

  • Tipo: Conto corrente
    online multivaluta
  • Circuito: MasterCard
  • Canone:
    a partire da 0 € al mese
  • IBAN: Sì (GB)

  • Prestiti e scoperti:
    in arrivo

  • Apple Pay e Google Pay:
    in arrivo

La prepagata aziendale è disponibili in due colori, bianco o nero, che l’utente può scegliere dopo la registrazione.
Caratteristiche

Società
Revolut Ltd

Tipo
Conto corrente online multivaluta per professionisti e aziende

Circuito
MasterCard

Canone
a partire da 0 € al mese

IBAN
Sì (GB)

Prestiti e scoperti
Non disponibili
(in arrivo)

Pre-autorizzazioni
e addebiti diretti

Apple Pay / Google Pay
Non disponibili
(in arrivo)

Revolut Business propone due diversi tipi di conto:

  • Libero professionista

  • Azienda

In questo articolo esamineremo le diverse opzioni di Revolut Business.

Abbiamo effettuato una prova pratica della soluzone dedicata ai lavoratori autonomi: scopriamo se le offerte sono davvero interessanti per quei professionisti che lavorano in zona euro e all’estero.

Se non sei un lavoratore autonomo o un’azienda, dai un’occhiata alla nostra Recensione Revolut Personal

Le caratteristiche principali di Revolut Business

I piani Revolut Business denominati Libero professionista e Azienda condividono buona parte delle funzionalità. Le maggiori differenze riguardano i limiti di movimentazione del conto e naturalement i costi.

I conti corrente multi-valuta – I conti Revolut Business permettono di ricevere denaro in 28 valute diverse. I trasferimenti di denaro non comportano alcuna commissione.

L’utente Business può creare dei “sottoconti” in diverse valute. Foto: Mobile Transaction

Il tasso di cambio utilizzato è quello interbancario, più conveniente. Foto: MT

Le carte di pagamento – I possessori di un conto Business ricevono una o più carte prepagate MasterCard, con le quali possono effettuare prelievi di contanti e pagare nei negozi in Italia e all’estero. Le carte sono contactless; al momento non sono compatibili con Apple Pay e Google Pay (potrebbe arrivare nei prossimi mesi).

È possibile inoltre creare carte virtuali nella valuta scelta dall’utente. Questo tipo di carta digitale può essere consegnato ai dipendenti e allo staff per gli acquisti online; l’amministratore principale del conto può impostare restrizioni su misura per ogni carta e bloccarle con un solo clic.

Per i clienti fuori dal Regno Unito, Revolut non propone né crediti né scoperti autorizzati. Per effettuare una transazione è dunque necessario che sul conto ci siano fondi sufficienti. Questa possibilità dovrebbe tuttavia arrivare tra qualche mese per tutti gli utenti.

Le carte virtuali permettono acquisti sicuri su internet. Foto: Mobile Transaction

Le spese vengono classificate in base alla loro categorie. Foto: Mobile Transaction

L’app per smartphone – La gestione del conto avviene interamente attraverso un’applicazione dedicata, su smartphone e tablet. È possibile anche gestire il conto direttamente dal web, con un’interfaccia particolarmente chiara e pulita.

La funzionalità Connect – L’azienda può collegare il suo conto a diverse applicazioni utili per la compatibilità (Xero o Freeagent), per l’automatizzazione delle attività (Zapier) o per la condivisione delle informazioni (Slack).

L’API aperta – Destinata agli utenti avanzati, questa funzionalità permette di gestire l’Application Programming Interface di un conto Revolut per integrarla con i propri software e le proprie applicazioni.

Revolut Freelancer (Libero professionista)

Revolut Freelancer è riservato ai lavoratori autonomi, liberi professionisti e ditte individuali e si articola in due piani tariffari:

  • Free

  • Professional

Permette di aggiungere conti in valuta estera

Il conto è nominativo. Il nome del titolare appare dunque sul fronte della prepagata ed è associato alle transazioni con essa effettuate.

Gli utenti Business Freelance ricevono due carte MasterCard fisiche e molteplici carte virtuali (fino a 20 al mese), destinate agli acquisti online.

Per aprire un conto Revolut Business in qualità di freelance è necessario fornire alcune informazioni sulla propria attività e scannerizzare o fotografare il proprio documento d’identità.

In pochi secondi si possono aggiungere conti in valuta estera con lo scopo di conservare le somme ricevute nella valuta originale.

Revolut per lavoratori autonomi e freelance è disponibile senza canone (gratuito) oppure con canone mensile.

FreePro
Membri del team22
Carte incluse22
Bonifici SEPA gratuiti520
Bonifici esteri gratuiti05
Conversione di moneta gratuita fino a…0 €5.000 €
Revolut Business
per freelance
FreeCarte e utenti
2
Bonifici SEPA
5
Bonifici esteri
0
Conversione gratuita
non disponibile
ProfessionalCarte e utenti
2
Bonifici SEPA
20
Bonifici esteri
5
Conversione gratuita
fino a 5.000 €

Per maggiori dettagli sui costi si può consultare il capitolo Costi e Commissioni.

Revolut Azienda

L’offerta riservata alle imprese è divisa in tre piani, determinati dall’importo che verrà trasferito sul conto:

  • Free

  • Grow

  • Scale

  • Enterprise

I diversi piani si distinguono sostanzialmente per il numero di operazioni gratuite incluse nel canone.

 FreeGrowScaleEnterprise
Membri del team21030
Carte incluse21030
Bonifici SEPA gratuiti51001000
Bonifici esteri gratuiti01050
Conversione gratuita fino a…0 €10.000 €50.000 €
Revolut Business
per aziende
FreeCarte e utenti
2
Bonifici SEPA
5
Bonifici esteri
0
Conversione gratuita
non disponibile
GrowCarte e utenti
10
Bonifici SEPA
100
Bonifici esteri
10
Conversione gratuita
fino a 10.000 €
ScaleCarte e utenti
30
Bonifici SEPA
1000
Bonifici esteri
50
Conversione gratuita
fino a 50.000 €
EnterpriseCarte e utenti

Bonifici SEPA

Bonifici esteri

Conversione gratuita

Non possono accedere al servizio le associazioni e le imprese quotate in borsa.

Si consiglia di proseguire nella lettura per un quadro più chiaro sui costi associati ai diversi piani.

Costi e commissioni

Di seguito una panoramica delle tariffe e delle condizioni relative ai conti Revolut Business.

FreelanceAzienda
Canone mensileFree
gratuito
Pro
7 €
Free
gratuito
Grow
25 €
Scale
100 €
Enterprise
1.000 €
Bonifici SEPA (superato il limite gratuito
0,20 €
Bonifici esteri (superato il limite gratuito)3 €
Trasferimenti verso altri utenti RevolutGratuiti
Tasso di conversione (superato il limite gratuito)
0,4 %
Prelievo contanti2 %
FreelanceAzienda
Canone mensile
Free
gratuito
Pro
7 €
Free
gratuito
Grow
25 €
Scale
100 €
Enterprise
1.000 €
Bonifici SEPA (superato il limite gratuito)
0,20 €
Bonifici esteri (superato il limite gratuito)
3 €
Trasferimenti verso altri utenti Revolut
Gratuiti
Tasso di conversione (superato il limite gratuito)
0,4 %
Prelievo contanti
2 %

I conti Revolut si distinguono dai concorrenti per la conversione di valuta gratuita.

Vale a dire che la moneta viene convertita al tasso di cambio interbancario (FX) senza aggiunta di maggiorazione (entro i limiti prefissati dal piano Revolut scelto).

Superato il limite (vedi tabelle nelle sezioni Freelancer e Azienda), si applica lo 0,4 % ad ogni operazione di conversione.

Ricarica del conto e pagamenti

Non è possibile depositare assegni o contanti sul conto, ma è possibile ricaricarlo con diverse modalità, tutte gratuite e senza limiti (superando i 250.000 euro al giorno è comunque richiesta una verifica):

  • Carta di debito (all’apertura del conto)

  • Bonifico bancario (SEPA, SWIFT)

  • PayPal

Per ricaricare il conto all’apertura si può usare una carta di debito, ad esempio il Bancomat (purché abilitato alle transazioni online). In seguito questa opzione non sarà più disponibile e dovremo utilizzare necessariamente il bonifico.

Per ricaricare con PayPal è necessario registrare Revolut come conto bancario e non come carta, dunque inserendo l’IBAN associato al conto. Questa modalità richiede circa due giorni lavorativi.

Gli utenti Revolut possono inoltre inviarsi denaro in modalità P2P, con accredito istantaneo.

Registrazione e verifica

La registrazione si effettua in pochi minuti, ma attenzione: l’intera procedura è in inglese, dato che la piattaforma web non offre ancora una versione in italiano. Dopo aver fornito l’indirizzo e-mail, riceverai immediatamente una mail contenente il link per aprire il conto.

Dopo aver richiesto l’apertura del conto il futuro cliente viene contattato tramite email per proseguire con la procedura

Di seguito i passaggi per l’autenticazione:

1. Inserire le informazioni richieste sull’impresa o sull’attività.

2. Scannerizzare un documento d’identità, dopodiché effettuare una breve verifica video.

3. Una volta aperto il conto si deve versare del denaro per pagare l’invio della carta di pagamento nonché il primo canone mensile.

Trascorsi i 14 giorni di prova gratuita, si passa al contratto di un anno rinnovabile.

Il nostro test del conto Revolut Business

Abbiamo effettuato il nostro test chiedendo l’apertura di un conto Professional per lavoratori autonomi (freelance).

Prima osservazione: l’apertura del conto richiede meno di 24 ore, molto meno di quanto segnalato da altri sfortunati utenti sul forum del servizio.

Prima di confermare l’abbonamento, abbiamo avuto modo di provare gratuitamente il servizio per 14 giorni (un periodo abbastanza lungo per provare tutti gli aspetti di nostro interesse).

Abbiamo provato il versamento sul conto tramite carta bancaria e PayPal. La prima transazione è stata registrata immediatamente, la seconda in meno di 24 ore, entrambe come bonifico SEPA in entrata.

La carta di pagamento sarebbe dovuta arrivare entro 15 giorni, ma siamo stati piacevolmente sorpresi ricevendola con tre giorni di anticipo.

Durante i giorni di attesa abbiamo già potuto effettuare degli acquisti online grazie alla carta virtuale, a partire dal giorno stesso in cui abbiamo aperto il conto.

Non c’è alcuna commissione sui bonifici. Foto: SG, Mobile Transaction

Inoltre, abbiamo voluto verificare se l’assenza di commissioni sui bonifici vantata da Revolut è reale. In effetti, non c’è alcuna commissione sulle transazioni, sia per i bonifici SEPA in zona euro che per i trasferimenti SWIFT. Questo può naturalmente variare a seconda della banca emittente, ma da parte della carta-conto britannica la promessa è mantenuta.

Se dobbiamo ricevere pagamenti dall’estero, non dimentichiamo di comunicare anche il codice BIC (oltre quello IBAN) quando necessario, cioè per le transazioni non SEPA (fuori dalla zona euro).

Abbiamo rilevato un solo svantaggio. Il conto Revolut Business è in teoria multivaluta, tuttavia al momento dell’attivazione offre solo tre conti: in sterline, euro e dollari.

Per beneficiare del conto multi-valuta promesso si deve superare una verifica aggiuntiva, ed effettuare la richiesta via chat (in inglese). Dopo la nostra richiesta, il nostro conto multivaluta è stato attivato nello stesso giorno dell’avvenuta richiesta.

È un punto a sfavore che questa procedura non sia spiegata chiaramente al momento della registrazione del conto né nelle domande frequenti. È stato necessario navigare nel forum degli utenti per capire la procedura da seguire.

Obblighi fiscali

Revolut è un’istituto di moneta elettronica con sede nel Regno Unito, trattasi dunque di conto estero.

Avere un conto estero è perfettamente legale, tuttavia al superamento della giacenza media annua di € 5.000 è necessario comunicare la sua esistenza in fase di dichiarazione dei redditi.

Nella fattispecie, se oltrepassiamo la giacenza media indicata sopra, dovremo compilare il Quadtro RW nel modulo di dichiarazione dei reddit.

La nostra opinione

Il conto multi-valuta Revolut Business è nel complesso un’offerta interessante, in particolare per le piccole aziende che hanno bisogno di inviare o ricevere denaro dall’estero o effettuare regolarmente transazioni in Europa e nel mondo (acquisti, pagamenti, bonifici).

Rapidità delle transazioni, assenza di commissioni e tassi di cambio interbancari fanno di Revolut il conto ideale per le imprese indipendenti e i lavoratori autonomi con clienti all’estero.

I piani senza canone (Free) appaiono invece come uno specchietto per le allodole: servizi basilari, conversione di moneta a pagamento. Se lo scopo è quello di evitare i costi fissi, meglio optare per N26 Business.

È il conto ideale per chi ha clienti all’estero, ma il piano “gratuito” può costare più del previsto

Lati negativi: l’assenza di scoperto può essere fastidiosa perché costringe l’imprenditore o il freelance a controllare regolarmente il conto.

Le aziende che effettuano transazioni con una certa frequenza devono sempre assicurarsi che siano presenti abbastanza fondi.

Allo stesso modo, l’impossibilità di richiedere un credito resta un limite per le aziende, sebbene l’azienda stia attivamente lavorando per rendere possibile tale operazione anche al di fuori del Regno Unito.

La carta britannica è in costante evoluzione: spesso promette nuove funzionalità che però tardano ad arrivare. Per il momneto l’utilizzo di Google Pay è riservato agli utenti Beta, mentre l’integrazione di Apple Pay è ancora in fase di sviluppo.

Apple Pay è già disponibile sulla carta Personal di Revolut.

Si rileva poi una mancanza di chiarezza nella comunicazione con i clienti. Il servizio clienti, sebbene generalmente attivo tutto il giorno, è disponibile solo tramite chat in inglese. Potrebbe essere necessario passare sul forum dedicato per comprendere e trovare una soluzione ai problemi che si incontrano.

Name of Reviewed Item: Revolut Business IT Rating Value: 4.5 Review Author:Review Date: