Gli assegni, per quanto datati, vengono utilizzati ancora oggi per trasferire denaro in forma liquida, in sostituzione dei contanti.

Come si versa un assegno nell’era dei conti online e dei pagamenti con carta? Quanto costa e quali sono i tempi di accredito? Lo scopriamo nel presente articolo.

Differenze tra i tipi di assegno

Assegno bancario – È coperto con le somme disponibili sul conto corrente della persona che lo ha emesso e per questo motivo è meno sicuro rispetto a quello circolare.

Qualora non fossero presenti fondi sufficienti nel momento in cui il beneficiario versa l’assegno, la banca sollecita il debitore ad alimentare il conto entro 60 giorni. In caso di insoluto, il creditore può procedere con il cosiddetto protesto tramite notaio o pubblico ufficiale.

Assegno postale – Equivale a quello bancario in tutto e per tutto. L’unica differenza riguarda l’istituto di emissione: non una banca bensì Poste Italiane.

Assegno circolare – Elimina il rischio di assegno scoperto. A differenza di quello bancario, l’assegno circolare è infatti emesso dalla banca e non dal titolare del conto. Il debitore corrisponde, contestualmente all’emissione dell’assegno da parte della banca, la somma necessaria a coprirlo.

Quando versiamo un assegno circolare abbiamo dunque la sicurezza di ricevere la somma, mentre quello bancario ci pone davanti al rischio di lunghe attese o di ricorso ad atti formali.

Come versare assegni?

Sono tre i metodi per versare un assegno nell’era delle banche digitali.

Sportello in filiale – È la modalità tradizionale e ormai quasi completamente superata. Ci si reca allo sportello di una banca per farsi assistere da un impiegato in carne ed ossa.

È sconsigliato per due motivi: si perde tempo e si rischia di pagare di più. Le operazioni allo sportello comportano quasi sempre una commissione extra, poiché eseguibili anche presso cassa automatica.

Cassa automatica (ATM) – C’è chi lo chiama sportello automatico, chi lo chiama bancomat, chi lo chiama ATM, ma la sostanza non cambia. Ci serviamo abitualmente della cassa automatica per effettuare prelievi di contante e, allo stesso modo, possiamo utilizzarla per versare un assegno.

Inseriamo la nostra carta Bancomat, digitiamo il codice PIN, selezioniamo sullo schermo il tipo di operazione, inseriamo l’assegno nell’apposito spazio. Le istruzioni compaiono sul display e saremo guidati passo per passo.

Posta – Alcune banche offrono la possibilità di versare assegni, ma solo tramite posta. Come funziona? Si spedisce, all’interno di una normale busta, l’assegno accompagnato da una pagina appositamente stampata sul sito della propria banca (la procedura deve infatti iniziare online).

La modalità più comoda e più economica per versare assegni è indubbiamente la cassa automatica, che oggi rappresenta la regola. Quella più scomoda è, come intuibile, la spedizione dell’assegno via posta, prevista in rari casi, quando non vi sono infrastrutture fisiche sul territorio.

Banche tradizionali: modalità, costi e tempi di accredito

La linea che distingue le banche tradizionali dalle banche online è oggi, nella maggior parte dei casi, molto sottile. Abbiamo infatti anticipato il ruolo dominante della cassa automatica per le operazioni bancarie, sebbene alcuni istituti mettano ancora a disposizione il servizio allo sportello della filiale.

Per quanto riguarda i costi, il versamento di un assegno è in genere gratuito.

Di seguito diamo un’occhiata ai tempi di accredito delle principali banche italiane:

Banca Modalità Tempi di
accredito*
BPER ATM 1 giorno per assegni rilasciati dalla stessa filiale; 4 giorni per tutti gli altri
Intesa Sanpaolo ATM 1 giorno per assegni rilasciati dalla stessa filiale; 3 giorni per tutti gli altri
Mediolanum Sportello;
ATM
Sportello: immediato
Cassa automatica: 1 giorno
Monte dei Paschi di Siena ATM 1 giorno per assegni rilasciati dalla stessa filiale; 4 giorni per tutti gli altri
Poste Italiane /
BancoPosta
Sportello 4 giorni per assegni postali; 7 giorni per assegni bancari
Unicredit ATM 0 giorni per assegni rilasciati dalla stessa filiale; 4 giorni per tutti gli altri

*Giorni lavorativi

Banca Modalità Tempi di
accredito*
BPER ATM 1 giorno per assegni rilasciati dalla stessa filiale; 4 giorni per tutti gli altri
Intesa Sanpaolo ATM 1 giorno per assegni rilasciati dalla stessa filiale; 3 giorni per tutti gli altri
Mediolanum Sportello;
ATM
Sportello: immediato
Cassa automatica: 1 giorno
Monte dei Paschi di Siena ATM 1 giorno per assegni rilasciati dalla stessa filiale; 4 giorni per tutti gli altri
Poste Italiane /
BancoPosta
Sportello 4 giorni per assegni postali; 7 giorni per assegni bancari
Unicredit ATM 0 giorni per assegni rilasciati dalla stessa filiale; 4 giorni per tutti gli altri

*Giorni lavorativi

Anche gli istituti di credito cosiddetti tradizionali hanno ormai fatto affidamento al digitale, fatta eccezione per le poste e pochi altri istituti bancari.

Di norma, il versamento deve essere dunque eseguito in autonomia dallo stesso correntista presso la cassa automatica.

Versamento assegni su un conto online

Ci sono due tipi di banche online: quelle appartenenti a gruppi bancari tradizionali e quelle native digitali.

Mentre le prime dispongono di una rete propria di ATM, le altre devono necessariamente appoggiarsi ad enti terzi per offrire alcune operazioni.

Diamo un’occhiata a modalità e tempi di accredito delle principali banche online:

Banca /
Conto
Modalità Tempi di
accredito*
CheBanca Posta;
ATM Mediobanca
0 giorni per assegni emessi dalla stessa banca; 4 giorni per tutti gli altri
Fineco Sportello;
ATM Unicredit
Sportello: 4 giorni;
Cassa automatica: 1 giorno
Illimity
ING Direct Posta 0 giorni per assegni rilasciati dalla stessa banca; 4 giorni per tutti gli altri
N26
Postepay
Evolution
Widiba ATM MPS 4 giorni

*Giorni lavorativi

Banca /
Conto
Modalità Tempi di
accredito*
CheBanca Posta;
ATM Mediobanca
0 giorni per assegni emessi dalla stessa banca; 4 giorni per tutti gli altri
Fineco Sportello;
ATM Unicredit
Sportello: 4 giorni;
Cassa automatica: 1 giorno
Illimity
ING Direct Posta 0 giorni per assegni rilasciati dalla stessa banca; 4 giorni per tutti gli altri
N26
Postepay
Evolution
Widiba ATM MPS 4 giorni

*Giorni lavorativi

Illimity e N26 sono due banche native digitali, senza sedi fisiche. In entrambi i casi è possibile prelevare da qualsiasi ATM in Italia e all’estero nonché depositare contanti presso le casse di alcune popolari catene di supermercati, mentre non è concesso riscuotere assegni.

Pur potendosi appoggiare alle filiali di Poste Italiane, al momento non è previsto il servizio di incasso assegni sulla PostePay Evolution. Chi ha BancoPosta può versare sul conto l’assegno per poi trasferire la somma alla PostePay tramite bonifico. Non vi sono alternative.

Molto più semplice è la situazione delle banche online appartenenti a grandi gruppi bancari. CheBanca, ad esempio, dispone di filiali proprie ma ha un punto di riferimento anche nei punti fisici Mediobanca, Fineco mantiene il suo legame con Unicredit per agevolare talune operazioni, Widiba è invece supportata dalle casse automatiche di Monte dei Paschi di Siena.

Diverso è il caso della banca online ING. In seguito alla radicale decisione di dismettere tutti gli sportelli automotici e le filiali in Italia, oggi propone come unica alternativa l’invio dell’assegno via posta.