La nostra valutazione(3.5/5)
POS mobile BCC è un terminale per accettare pagamenti con carta su smartphone
Banca di Credito Cooperativo (BCC) offre a professionisti e titolari di piccole imprese una soluzione per trasformare il proprio telefono in terminale di pagamento.

Il POS mobile BCC è riservato ai clienti del gruppo bancario italiano, unione di istituti di credito cooperativi locali e provinciali.

Questo dispositivo è in grado di trasformare un comune smartphone in un terminale POS per ricevere pagamenti in negozio o in mobilità.

Quali sono costi e tariffe del servizio? Come funziona un POS mobile? Ci sono alternative per piccole imprese? Quali sono le opinioni degli utenti? In questa recensione rispondiamo alle domande frequenti, illustriamo costi e commissioni, pro e contro del servizio di acquiring BCC.

Cos’è e come funziona

Il POS mobile è un lettore di carte di credito, di debito e carte prepagate che si collega ad uno smartphone con sistema operativa Android o iOS.

Può usufruire di questo terminale chiunque abbia un telefono Samsung, Huawei, LG – per riportare solo qualche esempio di cellulare Android – oppure dispositivi Apple come iPhone e iPad.

Il telefono deve essere dotato di connessione internet, sia essa Wifi o 3G/4G (connessione dati), ed avere il Bluetooth attivo durante l’utilizzo del POS mobile.

Il bluetooth serve infatti a collegare lettore di carte e smartphone, in modo che il primo dispositivo possa inviare i dati della carta di pagamento al nostro cellulare. Quest’ultimo, invece, servendosi della connessione internet trasmetterà attraverso un’apposita app le informazioni relative alla transazione.

Per autorizzare il lettore a ricevere un pagamento è sufficiente avviare l’applicazione, inserire l’importo, confermare e procedere all’inserimento della carta.

Carte accettate

Pago

In pochi secondi il cliente potrà effettuare un pagamento usando una carta con chip, una carta contactless oppure sistemi come Apple Pay e Google Pay.

Con il servizio di acquiring BCC è possibile ricevere pagamenti da PagoBancomat, Visa e MasterCard. In alcune divisioni territoriali è possibile aggiungere il circuito American Express.

Gli accrediti avverranno in pochi giorni lavorativi sul conto corrente in essere presso la stessa banca. Se non si dispone di un conto BCC sarà necessario aprirne uno e diventare correntisti prima di poter chiedere il POS mobile o servizi analoghi per le transazioni elettroniche.

Il terminale

Il lettore di carte portatile è firmato Ingenico, il colosso francese specializzato nella produzione di terminali di pagamento. Si tratta del modello mobile iCMP, usato da buona parte degli istituti di credito italiani.

Questo dispositivo vanta misure molto ridotte, con un peso di 115 grammi e dimensioni pari a 116 x 68 x 14 millimetri.

Può essere trasportato ovunque con praticità, come del resto richiede la natura di questa tipologia di terminale POS, ideata per funzionare anche lontano da una sede fissa.

Con una batteria di 550mAh si possono eseguire 160 transazioni consecutive oppure 50 transazioni ogni 72 ore.

In stand-by ha un’autonomia di 5-6 giorni.

Rinominato M-Pay nell’offerta BCC, questo POS mobile senza pretese estetiche è ideale per chi utilizza con bassa frequenza il terminale, vale a dire per quelle attività che ricevono solo pochi pagamenti con carta.

È invece un’ottima soluzione per l’uso in mobilità, ad esempio per le consegne a domicilio o attività itineranti.

Costi e commissioni

Il servizio POS mobile BCC comporta spese fisse e spese variabili. Di seguito elenchiamo i principali costi di gestione prima di passare alle commissioni applicate alle transazioni.

OperazioneCosto
AttivazioneAssente
InstallazioneAssente
Canone mensile€ 10 – 20
Comunicazioni cartacee
(opzionale)
€ 2 – 6

Il gruppo Banca di Credito Cooperativo include decine di istituti locali sparsi per l’Italia. Ognuno di questi potrebbe applicare condizioni differenti. I dati riportati nelle tabelle sono da considerarsi indicativi.

A seconda dell’istituto scelto potrebbe esservi un vincolo di durata del contratto fino a 36 mesi. In caso di recesso anticipato, alcune banche del gruppo prevedono una penale fissa, altre obbligano il cliente a versare la somma delle mensilità rimanenti.

CircuitoCommissione
(max.)
PagoBancomat0 – 1.50 %
Visa
MasterCard
1.60 – 2.20 %

La commissione per transazione viene applicata ad ogni pagamento ricevuto con il POS mobile BCC. Anche in questo caso si tratta di condizioni variabili a seconda dell’istituto BCC presente sul proprio territorio.

L’app M-Pay

M-Pay è l’applicazione per gestire il funzionamento del terminale dal proprio smartphone. È gratuita e disponibile su Google Play per dispositivi Android, su App Store per dispositivi iOS.

Per accettare un pagamento, come accennato anche precedenza, si avvia l’applicazione e si digita l’importo.

Dopo aver confermato con l’apposito tasto il lettore – collegato al cellulare via Bluetooth – sarà pronto a ricevere la carta.

Quella di BCC sembra essere un’app piuttosto scarna, le cui uniche funzioni riguardano la ricezione dei pagamenti e la consultazione cronologica degli stessi.

Oltre alle funzionalità, anche l’interfaccia appare molto datata nonostante i recenti aggiornamenti.

Le opinioni degli utenti non aiutano certamente la reputazione di M-Pay, che a quanto pare presenta continui disservizi che ne impediscono l’uso, rendendola praticamente inutile.

Foto: BCC

Trattandosi di un aspetto fondamentale nell’ambito di un servizio POS mobile, la sola inefficienza dell’applicazione basterebbe ad allontanare potenziali clienti.

La nostra opinione

Banca di Credito Cooperativo è una realtà molto presente sull’intero territorio italiano, ma profondamente frammentata dal punto di vista delle proposte e delle relative condizioni economiche.

Il POS mobile BCC è ormai disponibile in quasi tutte le filiali locali, costi e tariffe possono però variare in maniera piuttosto marcata. Per conoscere la loro effettiva portata non c’è altra soluzione che recarsi nel proprio istituto di appartenenza.

Una caratteristica comune sembra essere tuttavia la presenza di un canone mensile che va da 10 a 20 euro. La tariffa mensile dovuta al noleggio del terminale è prerogativa dell’offerta bancaria in generale; la ritroviamo infatti nella maggioranza degli istituti di credito.

Le commissioni per transazione sono in linea con il mercato dei pagamenti digitali.

Da non trascurare la gamma piuttosto ristretta di carte accettate: PagoBancomat, MasterCard e Visa. Mancano all’appello circuiti altrettanto popolari come Maestro, VPay, Visa Electron, American Express (opzionale) e UnionPay.

Se si è titolari di un piccolo negozio, professionisti o artigiani, la presenza di un costo fisso ma, soprattutto, il lungo vincolo di durata del contratto potrebbe comprensibilmente scoraggiare dalla sottoscrizione di un simile servizio.

In effetti, qualora si ricevano solo pochi pagamenti con carta nella propria attività, un’alternativa interessante potrebbe essere rappresentata dall’acquisto di un POS mobile economico, nessun canone mensile e commissioni lievemente più alte, compensate dalla bassa frequenza d’uso del terminale.

Name of Reviewed Item: POS mobile BCC Rating Value: 3.5 Review Author:Review Date: