> Carta prepagata > Confronto > Confronto Hype vs N26 – Qual è la migliore carta conto?

Confronto Hype vs N26 – Qual è la migliore carta conto?

Di Adriana Capasso|2019-01-07T17:00:28+00:0010 Ottobre 2018|Tag: , , |

Hype e N26 sono due carte prepagate o carte-conto dal carattere moderno. Si distinguono entrambe dalla concorrenza per le rispettive applicazioni: efficienti, intuitive, complete.

Solo in apparenza sembrano prodotti simili, tuttavia messe a confronto si potranno notare differenze capaci di far individuare in modo deciso il servizio che più risponde alle proprie esigenze.

Quali sono le differenze tra Hype e N26? Quali sono i costi e le tariffe dei due servizi? Cosa offrono le versioni gratuite di entrambe le carte e cosa hanno in più Hype Plus e N26 Black?

Quali sono le differenze tra le due popolari carte MasterCard?

Alcune importanti differenze emergono nel confronto tra le due carte prepagate – o carte conto nelle rispettive versioni premium.

Entrambi ottimi servizi, a determinare la scelta tra Hype e N26 saranno soprattutto le esigenze del consumatore.

Tabella comparativa costi e servizi


Recensione completa

Recensione completa
Costo di attivazione
GratuitoGratuito
Modalità di attivazione
OnlineOnline
Canone
Start: gratuito
Plus: € 1 / mese
N26: gratuito
Black: € 9,90 / mese
Metal: € 16.90 / mese
Circuito
Commissione
pagamento e prelievo
GratuitoGratuito
Tasferimenti P2P
GratuitoGratuito
Limite di ricarica
annuo
Start: € 2.500
Plus: € 50.000
Illimitato
IBAN
Apple Pay
Google Pay
Programma cashback
Solo N26 Metal
Maggiorazione
su tasso di cambio
3%Assente
Link
Visita il sito
Visita il sito

Tabella comparativa costi e servizi

Costo di attivazione
€ 0€ 0
Modalità di attivazione
OnlineOnline
Canone mensile
Start: € 0
Plus: € 1
N26: € 0
Black: € 9,90
Metal: € 16.90
Circuito
Commissioni pagamento e prelievo
€ 0€ 0
Limite di ricarica annuo
Start: € 2.500
Plus: € 50.000
Illimitato
IBAN
Apple Pay
Google Pay
Programma cashback
Solo N26 Metal
Maggiorazione su tasso di cambio
3%Assente
Link
Chiedi Hype
Chiedi N26

La registrazione

Sia Hype che N26 nascono come servizi digitali con sede virtuale, rappresentata dai rispettivi siti ufficiali. Entrambe prediligono il rapporto diretto con il cliente, che si volge completamente online senza intermediari.

La procedura per l’attivazione delle carte è molto simile e richiede pochi minuti. In entrambi casi si dovrà avere a portata di mano un documento di identità e il codice fiscale. È necessario avviare la procedura da smartphone o computer dotato di webcam.

Nella pagina di registrazione, Hype ricorda di avere con sé un documento di identità e di avere accesso ad una webcam o fotocamera.

La webcam del computer o fotocamera dello smartphone servirà alla verifica dell’identità. In entrambi i casi dovremo effettuare un autoscatto, ossia un selfie che include il viso e un documento di identità leggibile. In tal modo si certifica che la procedura per l’attivazione della carta viene svolta dal diretto interessato.

Si tratta di un passaggio ben integrato nella fase di registrazione. Non dovremo fare altro che scattare la foto e cliccare sul bottone di conferma.

Nonostante la sua fama e il comune utilizzo come carta prepagata, N26 è un vero e proprio conto corrente tedesco. Per questo motivo dovremo rispondere a qualche domanda più approfondita, che tuttavia non allunga i tempi.

In circa 10 minuti si conclude la registrazione, in seguito alla quale sarà necessario attendere qualche giorno lavorativo per la conferma e attivazione del proprio account.

La carta Hype si distingue per un design giovane e vivace

Hype è una carta-conto MasterCard con un interessante programma cashback

Trasparenza ed eleganza sono i segni distintivi della carta N26

N26 non ha maggiorazione sul tasso di cambio, ideale per viaggiare

Hype Plus vs N26 Black

Hype Plus e N26 Black sono le versioni premium – cioè a pagamento – dei rispettivi servizi.

È qui che emergono le prime sostanziali differenze tra Hype e N26, prima di tutto in tema di costi.

Hype Plus prevede un canone pari a € 1 al mese (€ 12 all’anno), mentre per usufruire dei vantaggi di N26 Black bisogna corrispondere € 9,90 al mese (€ 118.80 all’anno).

Differenza di prezzo che trova in parte giustificazione nelle coperture assicurative incluse nel canone di N26 Black. Questo servizio comprende un pacchetto di assicurazioni viaggio contro furto, annullamento e ritardo del volo, assicurazione sanitaria e altro ancora. Per approfondire le coperture assicurative si consiglia di consultare la nostra recensione completa sulla carta N26.

Per quanto riguarda il concorrente, il passaggio alla versione Hype Plus trasforma una semplice carta prepagata in una carta conto che potremo utilizzare anche per l’accredito di stipendio e pensione oppure per l’addebito diretto SEPA (SDD), grazie al quale potremo utilizzarla ad esempio su Amazon e Netflix nonché per il pagamento automatico delle utenze telefoniche e così via.

Anche in questo caso consigliamo di dare un’occhiata alla recensione completa su carta Hype per la consultazione dei dettagli.

Il limite di ricarica annuo di Hype Plus è € 50.000, mentre nessun limite è previsto da N26 Black.

Modalità di ricarica

Le modalità di ricarica di Hype e N26 marcano un’ulteriore distinzione tra i due servizi.

N26, abbiamo detto, è a tutti gli effetti un conto corrente senza sedi fisiche, dunque l’unica modalità di ricarica prevista è il bonifico.

Si dovrà dunque eseguire un bonifico sul conto N26 da un altro conto online – oppure un bonifico per cassa presso una qualsiasi filiale bancaria. Eventuali commissioni dipenderanno unicamente dalla banca scelta per eseguire il bonifico. N26 non trattiene alcun importo.

Essendo una carta prepagata con IBAN, Hype offre diverse modalità di ricarica. Si può eseguire un bonifico, ricaricare con altra carta di pagamento (carta di credito, di debito o prepagata), attraverso il proprio bancomat dagli ATM evoluti QuiMultiBanca.

I trasferimenti di denaro da un hyper all’altro sono istantanei e gratuiti. Inoltre è possibile ricaricare in contanti e gratuitamente eseguendo un bonifico per cassa in una filiale Banca Sella.

Solo la ricarica Hype da altra carta di pagamento prevede una commissione di 90 centesimi a partire dal 2019.

Il conto N26 è associato ad un IBAN tedesco (DE), mentre Hype dispone di un normale IBAN italiano.

Limiti di utilizzo

Nella tabella comparativa riportiamo i principali limiti di uso dei conti Hype e N26.

Logo Hype
Plafond annuo
Start: € 2.500
Plus: € 50.000
Illimitato
Prelievo massimo
Start: € 250
Plus: € 1.000
€ 2.500
Pagamento massimo
Start: € 999
Plus: illimitato
€ 5.000

Se da un lato un conto bancario senza sedi fisiche rappresenta uno svantaggio in tema di ricarica, dall’altro elimina i limiti di utilizzo tipici delle carte prepagate.

Il conto associato alla carta di debito MasterCard N26 può essere ricaricato senza alcun limite mensile o annuo, anche nella sua versione gratuita.

Diversa è la situazione per quanto riguarda prepagata di Banca Sella, con limiti restrittivi rivolti soprattutto alla versione Hype Start. Quest’ultima permette di ricaricare ogni anno un massimo di € 2.500, mentre con Hype Plus si può raggiungere la soglia di € 50.000 all’anno.

Un altro limite che tocca Hype Start (dal quale è però esente Hype Plus) è la spesa per singola operazione di pagamento. In altre parole, in negozio non possiamo pagare più € 999 in un unico pagamento. La versione Plus invece consente di pagare qualsiasi somma in base alla disponibilità sul conto.

Con la carta N26 si può invece pagare un importo massimo di € 5.000 per singola operazione.

I prelievi giornalieri di contante da ATM si fermano a € 250 con Hype Start e salgono a € 1.000 con Hype Plus.

Anche questa volta N26 si mostra più “generosa” mettendo a disposizione del cliente € 2.500 in contanti per il prelievo giornaliero.

Né Hype né N26 comportano commissioni per prelevare contanti presso gli ATM di qualsiasi gruppo bancario. Si tratta di un enorme vantaggio rispetto alla più nota concorrente PostePay.

Uso all’estero e tasso di cambio

L’uso all’estero e i viaggi delineano in modo ancor più spiccato le differenze tra Hype e N26.

Si sottolinea prima di tutto che entrambe le carte possono essere utilizzate in tutto il mondo senza incontrare ostacoli, sia in quanto a prelievi che a pagamenti. I due servizi fanno parte del circuito MasterCard, tra i più diffusi al mondo, e per questo utilizzabili praticamente ovunque.

N26 Black è concepita appositamente per chi viaggia di frequente. La versione “premium” di N26 non prevede alcuna commissione sui prelievi di contanti in valuta estera, mentre sul conto gratuito pesa una tariffa dell’1.7% sull’importo prelevato. Occorre dunque rimarcare la sostanziale differenza tra le due versioni della medesima carta.

Nessuna maggiorazione sul tasso di cambio per il servizio tedesco. Un pregio, quello di N26, che non mancherà di far colpo sui viaggiatori abituati a “bruciare” una parte del budget in commissioni di ogni tipo e maggiorazioni sul cambio valuta.

Diverso è il discorso per la carta conto di Banca Sella. Sia Hype Start che Hype Plus hanno il vantaggio di non avere commissioni sul prelievo di contanti all’estero, tuttavia la maggiorazione del 3% applicata sul tasso di cambio è un motivo valido per preferire la concorrente tedesca.

Né Hype né N26 prevedono commissioni sui pagamenti con carta, ma nel caso della prima si dovrà comunque affrontare la maggiorazione sul tasso di cambio in valuta estera.

Pagamenti e trasferimenti di denaro all’estero tramite bonifico sono invece possibili esclusivamente con N26. Il conto tedesco si serve del servizio TransferWise per effettuare bonifici in 19 valute diverse. Solo bonifici entro in confini italiani per la carta Hype.

Le app

Indispensabili alla gestione dei conti, le applicazioni Hype e N26 sono disponibili per dispositivi Android e iOS-Apple rispettivamente su Google Play e App Store.

Si presentano entrambe curate nei dettagli e semplici da utilizzare attraverso un’interfaccia grafica moderna. Questo aspetto le pone sullo stesso piano, nonché in una posizione di vantaggio rispetto alle app dei servizi concorrenti.

In pochi tocchi si consulta il saldo del conto e i movimenti, si effettuano bonifici e trasferimenti P2P tra i contatti in rubrica. Nelle apposite sezioni è possibile sospendere e riattivare in qualsiasi momento l’uso della carta fisica, o in alternativa impedire solo determinate operazioni (prelievi, acquisti online o in negozio, pagamenti all’estero).

Le statistiche aggiornate in tempo reale usano la classificazione automatica dei movimenti, per cui il possessore della carta saprà esattamente quanto ha speso o incassato nelle diverse categorie (alimenti, ristoranti, spese, ricarica telefono, stipendio, ecc.). Su Hype sarà inoltre possibile aggiungere hashtag personalizzati ad ogni movimento, per tenere traccia in modo ancor più preciso di entrate ed uscite.

Solo l’app N26 permette il ripristino del codice PIN e la gestione dei limiti di utilizzo. Vantaggio esclusivo di Hype è invece la ricarica telefonica verso i seguenti operatori mobili: PosteMobile, Wind, Vodafone, Tim e Tre.

Infine, Hype presenta una funzionalità molto interessante – chiamata Obiettivi – che consente di risparmiare quotidianamente piccole somme di denaro in vista del raggiungimento di un obiettivo.

Con Hype la divisione delle spese tra amici avviene in pochi secondi

Con la carta Hype si dividono le spese con gli amici presenti in rubrica

L'app N26 offre un dettagliato resoconto su entrate ed uscite mensili

L’app N26 è molto apprezzata dagli utenti per efficienza e facilità d’uso

Valutazione finale – Hype o N26?

Dal confronto Hype vs N26 emergono evidenti differenze tra due servizi a nostro avviso validi, entrambi con qualche limite e con determinanti vantaggi.

La distinzione più rilevante si ha a partire dalla natura dei conti. Hype è una carta-conto dal carattere tecnologico e social; N26 costituisce a tutti gli effetti un conto corrente online.

A tal proposito è bene evidenziare che, avendo radici in Germania, difficilmente N26 potrà rimpiazzare un conto online così come inteso dagli italiani. Nessuna possibilità infatti di pagare bollettini postali né contributi fiscali tramite F23, F24, MAV, RAV. Un limite che del resto ritroviamo nella stessa Hype. Si può dedurre, a questo punto, che nessuno dei due servizi è da considerarsi come un sostituto del conto corrente. L’uso consigliato per entrambi è quello di carta conto.

Lo scontro reale sussiste esclusivamente tra il conto base N26, gratuito, e la carta prepagata di Banca Sella Hype – anch’essa senza spese. In entrambi i casi avremo in tasca una carta di debito MasterCard a basso costo, compatibile con Apple Pay e Google Pay in Italia e all’estero. In quest’ultimo caso, tuttavia, entrambi servizi implicano spese: da un lato la commissione sui prelievi, dall’altro la maggiorazione sul tasso di cambio.

Hype Plus è un’ottima prepagata per uso quotidiano e shopping online, N26 Black è la migliore scelta per viaggiare.

In compenso la MasterCard Hype offre a tutti gli utenti un ottimo programma cashback che restituisce una percentuale sugli acquisti effettuati online presso i tantissimi marchi convenzionati – tra i quali si segnala Zalando, Booking, Italo, Flixbus, Volagratis, Groupon e molti altri.

Il discorso cambia se l’intenzione è quella di sfruttare la carta per il viaggio. In tal caso è evidente che la copertura assicurativa fornita da N26 Black batte la concorrenza a mani basse. Osservata dal punto di vista del viaggiatore, l’elegante carta nera tedesca consente di pagare in tutto il mondo e perfino di risparmiare sull’acquisto di assicurazioni – indispensabili soprattutto quando si oltrepassano i confini europei.

Non è da escludere infine una terza via, quella della convivenza. La gratuita Hype torna utile, oltre che per l’uso quotidiano, per il sopraindicato programma cashback. N26 Black è invece il metodo più economico per effettuare acquisti e prelievi all’estero, forte dell’ampia copertura assicurativa inclusa nel servizio.

Chiedi Hype
Chiedi N26