Nexi è il più grande fornitore di servizi di pagamento in Italia. In quanto tale, è in grado di offrire un’ampia gamma di terminali per ogni tipo di attività commerciale.

I suoi servizi vengono perlopiù distribuiti dagli istituti bancari convenzionati – ad esempio Intesa Sanpaolo, UBI Banca, Deutsche Bank e Crédit Agricole.

Nel presente articolo analizziamo l’offerta POS Nexi per capire qual è l’opzione più adatta alle piccole imprese.

POS
Nexi
Offerta
Tradizionale
POS portatile Ingenico Move2500
Da banco o portatile
Senza gestionale
SmartPOS
Personalizzabile
Sistema Android
App gestionale
POS mobile
Move and Pay si serve dei dispositivi POS di Ingenico
Per piccole attività
Funziona con smartphone
App gestionale
Terminale Offerta
Tradizionale
POS portatile Ingenico Move2500
Da banco o portatile
Senza gestionale
SmartPOS
Personalizzabile
Sistema Android
App gestionale
POS mobile
Move and Pay si serve dei dispositivi POS di Ingenico
Per piccole attività
Funziona con smartphone
App gestionale

POS tradizionale

Per terminale tradizionale si intende un dispositivo classico per l’elaborazione di transazioni, senza funzionalità aggiuntive.

Questo POS si presenta con dimensioni variabili a seconda del tipo scelto (fisso, portatile, cordless), un piccolo display e una tastiera fisica. Anche questi dispositivi sono in grado di elaborare pagamenti contactless.

Il POS tradizionale può essere fisso o portatile.

Rientrano in questa categoria:

  • POS fisso o da banco, collegato con cavo e dunque utilizzabile in una sola postazione.

  • POS portatile o GPRS, munito di una SIM dati che permette l’uso anche in mobilità.

  • POS cordless, collegato senza fili ad una base fissa per spostarsi all’interno di un locale.

Quanto costa?

Il terminale fisso è distribuito esclusivamente dalle banche convenzionate. Queste ultime scelgono in autonomia canone ed altri eventuali costi (es. installazione).

Cordless e portatile sono invece distribuiti anche da Nexi senza intermediari, e prevedono un canone di 17,50 € al mese.

In entrambi i casi, ai costi mensili sono da aggiungere le commissioni sulle transazioni (variabili in funzione del volume di pagamenti elaborati) e la commissione di acquiring (2,5 € al mese).

SmartPOS

Lo smartPOS di Nexi assume la forma e la sostanza di un tablet Android, con un lettore di carte di credito integrato.

Funziona come un vero e proprio tablet, attraverso applicazioni dedicate agli esercizi commerciali. Tali app possono essere scaricate da uno store virtuale per estendere le funzionalità del terminale.

Lo smartPOS di Nexi funziona come un tablet, accetta pagamenti con carta e gestisce l’attività.

Oltre alla funzione indispensabile di ricezione di pagamenti con carta e contactless, il POS smart consente di gestire il negozio tramite catalogo e inventario, generare buoni sconto e gift card, implementare programmi fedeltà e così via.

Fatta eccezione per le app già installate, buona parte di quelle presenti nel negozio virtuale sono a pagamento, e alcune comportano un abbonamento periodico.

Quando costa?

Dipende dalla configurazione:

  • smartPOS WiFi – 29 € al mese
  • smartPOS WiFi + 4G – 39 € al mese
  • smartPOS Cassa – 55 € al mese + 109 € una tantum

Al canone mensile si aggiungono poi le commissioni sul transato e la commissione di acquiring pari a 2,50 € al mese.

POS mobile

Il POS mobile è una soluzione dedicata alle piccole imprese oppure a chi lavora in mobilità. Si tratta di un piccolo lettore di carte di credito da collegare al proprio telefono via Bluetooth.

Per accettare pagamenti occorre installare sul telefono l’app Mobile POS di Nexi. Qui si digita l’importo della transazione e si autorizza il terminale a ricevere il pagamento.

Il problema principale di questa soluzione riguarda proprio l’applicazione fornita da Nexi, non sempre funzionante. Sono tante le opinioni negative rilasciate dagli utenti su Google Play e App Store, secondo i quali si presentano spesso inconvenienti che rendono difficile o addirittura impossibile l’uso del POS. Si ribadisce, infatti, che l’app è indispensabile per il corretto funzionamento del servizio.

Un’alternativa interessante per piccoli negozi e professionisti che ricevono pochi pagamenti con carta è offerta da SumUp: il suo lettore di carte è economico e non prevede impegni contrattuali.

Quanto costa?

Il piano tariffario è molto interessante, in quanto prevede l’acquisto del dispositivo al prezzo di 29 € una tantum, mentre non vengono applicati costi fissi mensili.

Le tariffe sulle transazioni sono invece dell’1,49% sulle carte MasterCard, Visa e PagoBancomat; del 2,14% su UnionPay e JCB. Purtroppo non vengono accettate carte di credito American Express.

Come si diceva, però, bisogna valutare attentamente questa soluzione: se l’app non funziona, non sarà possibile accettare pagamenti.

Commissioni sul transato

Fatta eccezione per l’offerta POS mobile, le altre soluzioni implicano – oltre al canone mensile di noleggio e di acquiring – anche le tariffe sulle transazioni elaborate.

Le commissioni variano a seconda delle carte usate dai clienti, e sono le seguenti:

Circuito Tariffa
Bancomat e
carte di debito
0,99 %
Carte aziendali, JCB, Union Pay
2,49 %

Potrebbero esserci variazioni in base al terminale scelto. Inoltre, agli esercizi commerciali medio-grandi che elaborano volumi elevati di transazioni elettroniche potrebbero essere proposte tariffe più vantaggiose di quelle riportate in tabella.

Ulteriori variazioni potrebbero presentarsi a seconda dell’istituto bancario a cui ci si rivolge per la richiesta dei POS Nexi. In generale, si consiglia di rivolgersi direttamente a Nexi invece di recarsi in banca per sottoscrivere il medesimo servizio, ma con costi presumibilmente aggiuntivi.

Quale scegliere?

Se ci rechiamo oggi in una banca convenzionata con Nexi per un terminale di pagamento, la proposta verterà sicuramente sullo smartPOS, declinato nei diversi piani tariffari a seconda delle esigenze del commerciante.

La sua convenienza dipende dal fatturato elettronico dell’attività, cioè dal volume degli incassi elaborati dal terminale. Con un transato di poche migliaia di euro al mese, l’opzione più economica tra quelle offerte da Nexi è sicuramente quella del POS mobile – la cui app presenta tuttavia criticità che talvolta rendono impossibile l’uso del dispositivo.

I POS tradizionali sono soggetti a costi extra di installazione e configurazione. Per un piccolo negozio che opera molto con i contanti, dunque, ci sentiamo di sconsigliare questa soluzione, maggiormente adatta ad esercizi commerciali medio-grandi che hanno la possibilità di ammortizzare le spese di gestione e manutenzione.

POS portatili migliori confronto

POS portatile con o senza canone?

Le migliori offerte sui POS portatili in Italia