Il primo nome che viene in mente pensando ai terminali POS è molto probabilmente Ingenico. I suoi dispositivi sono ovunque in Italia, e coprono la maggior parte delle transazioni con carta effettuate in negozio.

I piccoli negozi hanno ora la possibilità di scegliere in una vasta gamma di terminali Ingenico, inclusi tre modelli mobile, uno fisso e uno smart.

Gli apparecchi Ingenico sono venduti da distributori autorizzati o società di acquiring, tra le quali compaiono le principali banche italiane. Sono relativamente costosi (diverse centinaia di euro) ma in compenso si mostrano molto efficienti e altamente personalizzabili.

Il prezzo di ogni modello varia a seconda delle opzioni hardware scelte (es. 4G, Bluetooth, GPS, accessori) ma anche della parte software che, tra le altre cose, permette di elaborare diversi tipi di pagamento con diversi circuito, come Visa, MasterCard e American Express.

In ogni caso, l’alta qualità di questi terminali non si ferma alle loro componenti materiali né alle funzioni di base. Oggi Ingenico dà accesso ad una piattaforma software in continuo sviluppo, che prende il nome di Telium.

Telium Tetra offre più servizi

I modelli più recenti di Ingenico dispongono di Telium Tetra, un sistema operativo nonché una piattaforma di servizi per i commercianti. Le sue principali caratteristiche sono le seguenti:

  • Integrazione con gli smartPOS di ultima generazione
  • Gestione di più terminali
  • Catalogo di applicazioni di pagamento
  • Catalogo di applicazione per la gestione della clientela

Il portale web denominato Merchant Service Hub convergono tutte le funzionalità del sistema Telium; inoltre il commerciante può accedere a statistiche di vendita, ricevute elettroniche, metodi di pagamento alternativi e alla gestione dei clienti.

Si può accedere al portale di gestione “Merchant Service Hub” da qualsiasi dispositivo. Foto: Ingenico

La gestione dei propri terminali è separata dal Merchant Service Hub perché interessa solo gli imprenditori che sono in possesso di diversi dispositivi. Può avvenire attraverso il supporto tecnico (contattando l’assistenza) oppure direttamente dall’interfaccia web messa a disposizione.

Tutti i terminali con sistema operativo Telium vengono controllati e aggiornati a distanza, da remoto. È possibile perfino cambiare operatore telefonico sugli apparecchi senza dover cambiare scheda SIM.

Telium Tetra è disponibile sui seguenti modelli Ingenico:

  • Portatili/mobili: Move 5000, 3500, 2500
  • Fissi: Desk 5000, 3000

Di recente Ingenico ha lanciato un nuovo smart POS che si serve di un sistema operativo diverso, Axium.

Di seguito parliamo dei modelli sopramenzionati. Il colosso dei terminali produce anche altre modelli, tuttavia non possono essere né acquistati né noleggiati presso società indipendenti – sono riservati agli istituti bancari, alle stazioni di servizio, ai grandi distributori, ecc.

Ingenico Move 5000: un terminale 4G molto versatile

Il Move 5000 (o Move/5000) è un terminale mobile che integra una stampante per le ricevute. Sostituisce il modello iWL 250, che sta progressivamente uscendo dal mercato.

Le principali differenze tra iWL 250 e Move 5000

  • Sistema operativo aggiornato da Telium 2 a Telium Tetra.
  • Dimensioni del display aumentate da 2,8 a 3,5 pollici; grafica passa da 320 x 240 pixel a 480 x 320 pixel. Move 5000 è touchscreen (con dita o penna). Il codec integrato H264 consente di riprodurre video per i clienti.
  • La RAM aumenta in modo significativo: da 128 a 512 MB. La memoria di massa è di 32 GB sul modello Ingenico Move 5000.
  • Il 4G viene aggiunto ai già presenti 3G, GPRS, Bluetooth e Wifi.
  •  Il nuovo terminale è in grado di acquisire dati attraverso GPS, scanner di codici a barre e fotocamera opzionale.

Il prezzo del Move 5000 è simile a quello del predecessore: € 400 – 600 (IVA esclusa) a seconda delle opzioni scelte.

Come il modello precedente, Move 5000 è in grado di accettare molteplici metodi di pagamento, incluse carte chip & PIN, banda magnetica e NFC (contactless).

Move5000 ha un ampio schermo a calori per un facile uso delle funzioni di Telium Tetra . Foto: Ingenico

Accetta coupon (codici QR) attravero la funzione scanner e wallet digitali come Apple Pay.

Il pennino capacitivo che lo accompagna consente di firmare direttamente sullo schermo, oltre a rendere più rapida la navigazione all’interno del marketplace per le applicazioni compatibili con Telium, dove si possono scaricare, ad esempio, programmi fedelità per i clienti e iscrizione a programmi di garanzia direttamente sul POS.

Se invece preferite un modello più semplice, senza touchscreen e fotocamera opzionale ma con tutte le soluzioni di connettività, il Move 3500 è un ottimo candidato.

Ingenico è realmente il leader mondiale del settore? La sfida tra Ingenico e Verifone nel mercato dei pagamenti elettronici

Ingenico Move 3500: il fratello minore del 5000

Move3500 di Ingenico è una soluzione più semplice e meno impegnativa rispetto al modello osservato nella sezione precedente.

Il modello Move 3500 fotografato in un ristorante. Foto: Mobile Transaction

Dispone di una stampante integrata ma il suo display è più piccolo (3,2 pollici con 320 x 240 pixel) e non è touchscreen. La sua tastiera ha tasti aggiuntivi per la navigazione.

Le opzioni di connessione sono identiche a quelle del fratello maggiore, tuttavia mancano l’altoparlante, la possibilità di riprodurre video, lo scanner per codici a barre e la fotocamera.

Anche la batteria meno potente rispetto al Move 5000: 2900 mAh di quest’ultimo contro i 2200 mAh del Move 3500. In compenso si può scegliere una batteria più potente come opzione.

Questo modello è un buon compromesso per molti commercianti e ristoratori.

Ingenico Move 2500: due modelli, con o senza cavo

Nessun touchscreen sul Move 2500, che ha peraltro uno schermo ancor più piccolo del 3500 (2,4 pollici). Differenze anche nelle opzioni di connettività: è dotato solo di tecnologia 3G e WiFi, ma può connettersi (come gli altri modelli) alla rete Ethernet.

In realtà di questo dispositivo sono disponibili due versioni: una portatile con 3G/GPRS e con WiFi opzionale, un’altra ibrida con connessione fissa attraverso cavo.

Con Move 5000 e Move 3500, tutti i tipi di connessione sono opzionali e dunque personalizzati secondo le esigenze del commerciante – ma con un prezzo diverso stabilito dai fornitori.

Tabella comparativa dei terminali Ingenico

Tutti i modelli presi in esame accettano carte con chip, banda magnetica e contactless.

Move 5000Move 3500Move 2500
Stampante
Batteria2900 mAh2200
o 2900* mAh
2200 mAh
Dimensioni (mm)169 x 78 x 57169 x 78 x 57168 x 81 x 58 (1)
168 x 81 x 69 (2)
Peso320 g320 g320 g
Schermo3.5″3.2″2.4″
Pixel480 x 320320 x 240320 x 240
Multimedia
GPRS/3G/WiFiSì*Sì*Sì*
4GSì*Sì*
BluetoothSì*Sì*
Connessione con cavoSì*
GPSSì*Sì*Sì*
Lettore codice a barreSì*
FotocameraSì*

* = Disponibile su richiesta. (1) = Portatile Move 2500. (2) = Ibrido Move 2500.

Move
5000
Move
3500
Move
2500
StampanteYesYesYes
Batteria2900
mAh
2200 o
2900
mAh*
2200
mAh
Dimensioni
(mm)
169
x 78
x 57
169
x 78
x 57
168
x 81
x 58(1)
x 69(2)
Peso320 g320 g320 g
Display3.5″3.2″2.4″
Pixel480
x 320
320
x 240
320
x 240
Multimedia
GPRS

3G/WiFi
Sì*Sì*Sì*
4GSì*Sì*
BluetoothSì*Sì*
Connessione

con cavo
Sì*
GPSSì*Sì*Sì*
Lettore codice
a barre
Sì*
FotocameraSì*

* = Disponibile su richiesta. (1) = Portatile Move 2500. (2) = Ibrido Move 2500.

Ingenico Desk 5000: adatto ai punti cassa fissi

Ufficialmente è uno smartPOS fisso, tuttavia può essere trasformato in terminale mobile con le stesse opzioni di connessione del Move 5000 e 3500, eccetto per il 4G.

È simile al Move 3500 ma ha lo schermo del 5000 e porte aggiuntive per la connettività. Diversamente dal Move 5000, non è dotato di lettore di codice a barre né di fotocamera opzionale: una scelta logica dal momento in cui è realizzato come POS da banco da abbianare a periferiche compatibile di terze parti.

Il Desk 5000 è pensato principalmente per funzionare vicino ad un punto cassa, ma si può trasformare in portatile. Foto: Ingenico

In negozio, il Desk 5000 può essere connesso via USB ad un terminale aggiuntivo e più semplice per i clienti, ad esempio l’Ingenico Pinpad iPP 315.

Questo dispositivo è poi dotato di una porta seriale RS232 per la connessione ad un registratore di cassa o altro apparecchio compatibile. In tal caso è necessario usare una base di ricarica opzionale.

Ci sono ancora due versioni, più semplici, del Desk 5000: il Desk 3500 con un display a colori non touchscreen e il Desk 3200 con un display monocromo.

Ingenico Axium D7: il futuro dei terminali di pagamento

Il modello Axium D7 rappresenta il trend futuro dei terminali POS. L’apparenza, in questo caso, non inganna: non è un POS nel senso classico del termine, bensì un dispositivo che si serve delle funzionalità di un POS.

Axium D7 supporta Axium, una piattaforma con le funzionalità di Telium ma su sistema Android. Tale caratteristica apre le porte ad un marketplace ancora più ampio, con potenzialità estese.

Questo apparecchio smart può gestire contanti, inventario, programmi fedeltà e molteplici metodi di pagamento attraverso Google Play.

Display di cortesia di Axium D7. Lo schermo rivolto al commerciante funziona come un tablet Android. Foto: Ingenico

Per quanto riguarda l’hardware, il D7 è dotato di due diversi schermi: uno più grande che permette di gestire pagamenti e funzionalità, l’altro più piccolo rivolto al cliente (una sorta di display di cortesia). Ha inoltre una tastiera per digitare il PIN e una fotocamera per la scansione di codici.

Axium si serve di una piattaforma simile al Merchant Service Hub di Telium, ma con la possibilità di accedervi direttamente dal display del terminale o dall’interfaccia web. Lo schermo e la libertà di esplorare ed aggiungere nuove funzionalità offrono ai clienti un’interfaccia simile a quella dei negozi online, che potrebbe risultare in vendite multicanale per l’attività.

Lo smartPOS Axium D7 sul suo supporto da banco. Foto: Ingenico

Il supporto da banco di Axium aggiunge funzioni al punto cassa. Ha una stampante integrata, connettività di rete e possibilità di collegamento con accessori compatibili, ad esempio il cassetto portasoldi.

È simile, per flessibilità, ai sistemi POS che funzionano su iPad e tablet Android, con la sostanziale differenza che gode di un dispositivo specializzato nella gestione delle attività commerciali.