In alcuni casi si potrebbe aver bisogno di accettare pagamenti con carta all’estero, in modo ricorrente (ad esempio se si opera con un taxi transfrontaliero) oppure in maniera occasionale (partecipando ad eventi e fiere internazionali).

Quale tipo di terminale scegliere? Come procurarselo? È necessario un abbonamento specifico?

Cosa serve per incassare con carta all’estero?

Prima di passare all’aspetto materiale, scopriamo cosa serve per quanto riguarda la parte software.

Innanzitutto, è necessario un gateway di pagamento compatibile con l’elaborazione internazionale di pagamenti elettronici. Il gateway garantisce la trasmissione del flusso di informazioni tra il terminale, la banca del cliente e la banca del commerciante.

Due tipi di terminali si adeguano a tali esigenze:

  • I dispositivi 3G/4G con scheda SIM integrata – completamente autonomi, spesso dotati di stampante.
  • I lettori di carte di credito, che si appoggiano alla connessione dati dello smartphone.

Immagine : Ingenico

Terminali Ingenico

Tutti i terminali 3G classici sono in grado di funzionare all’estero con un gateway di pagamento appropriato.

Indipendentemente dal tipo, il terminale deve poter utilizzare una connessione internet GPRS/3G/4G, mentre quella WiFi o ADSL non è adatta a questo tipo d’uso. Il gateway si servirà dunque della rete mobile; per questo motivo risulterà più dispendioso rispetto all’uso domestico.

Terminali con scheda SIM integrata:

La scheda SIM del terminale è idealmente multi-operatore, cioè dovrebbe essere in grado di funzionare con qualsiasi operatore telefonico in Italia e all’estero.

I terminali sono dotati di software in grado di analizzare la disponibilità di tutte le reti e selezionare automaticamente quella più potente.

Dove procurarsi un POS?

Sono disponibili tre diverse soluzioni.

È innanzitutto possibile rivolgersi alla propria banca per valutare la loro offerta.

Si può inoltre optare per prestatore di servizi di pagamento, il quale fornirà sia il dispositivo – generalmente di marca Ingenico o Verifone – sia la scheda SIM multioperatore con apposito abbonamento, e infine il servizio di gateway di pagamento. I terminali sono disponibili con acquisto o noleggio.

Si può infine ricorrere ad alcune società che vendono i propri terminali. Per un uso all’estero ricorrente, si può prendere in considerazione l’offerta di myPOS, azienda che mette a disposizione dispositivi utilizzabili nell’intero Spazio Economico Europeo.

Foto : myPOS

MyPOS Combo è un terminale portatile da usare ovunque

myPOS Combo si può usare nello Spazio Economico Europeo (SEE).

Per un uso occasionale, è invece da preferire il POS SumUp 3G. In questo caso è necessario richiedere un’autorizzazione temporanea per l’uso all’estero, che in ogni caso viene concessa gratuitamente.

Alternativa: trasformare il proprio smartphone in POS

I terminali che utilizzano un dispositivo mobile per elaborare pagamenti elettronici si presentano con dimensioni ridotte, e possono essere acquistati a prezzi molto interessanti. Il terminale si connette via Bluetooth allo smartphone, che assicura la connessione tramite rete mobile.

Anche in questo caso è necessario un gateway di pagamento compatibile con l’uso all’estero, ma in questo caso è incluso nell’offerta.

Con questo sistema si ha il vantaggio di non dover sottoscrivere un abbonamento supplementare, poiché si può utilizzare il piano tariffario già presente sul proprio telefono. Grazie al roaming e alle attuali leggi europee, non saranno addebitati ulteriori costi.

Foto : EC, Mobile Transaction

POS mobile SumUp Air

Le SumUp Air peut être utilisé occasionnellement à l’étranger.

SumUp Air è perfetto per l’uso occasionale all’estero, pur essendo meno pratico del modello 3G menzionato prima: per accettare un pagamento con carta si deve usare sia il POS sia il proprio smartphone, sul quale sarà installata un’apposita app.

L’applicazione associata a questo dispositivo offre alcune interessanti funzioni aggiuntive, ad esempio il catalogo dei prodotti, che permette di selezionare rapidamente uno o più articoli ottenendo così l’importo totale.

Anche myPOS mette a disposizione modelli compatti e funzionanti in Europa, come il terminale 3G Go.