I due conti online di origine tedesca si sfidano sul mercato europeo. Chi vincerà?
  • Quanto costano?

  • Sono affidabili?

  • Quale scegliere?

In questa recensione mettiamo a confronto caratteristiche, funzioni, tariffe, vantaggi e svantaggi delle due soluzioni di pagamento.

VividCarta Vivid N26
Link
Servizio
Conto corrente con carta di debito Conto corrente con carta di debito
Modalità di attivazione
Online Online
IBAN (tedesco) (italiano)
Scambio tra utenti (P2P)
Ricarica cellulare
Pagamento bollettini
F24
Accredito stipendio
Addebito diretto (SDD)
Versamento contanti
Multivaluta
Criptomonete e trading
Apple Pay / Google Pay
Circuito Visa
Logo Vivid Logo N26
VividCarta Vivid N26
Link
Servizio
Conto corrente con carta di debito Conto corrente con carta di debito
Modalità di attivazione
Online Online
IBAN (tedesco) (italiano)
Scambio tra utenti (P2P)
Ricarica cellulare
Pagamento bollettini
F24
Accredito stipendio
Addebito diretto (SDD)
Versamento contanti
Multivaluta
Criptomonete e trading
Apple Pay / Google Pay
Circuito Visa
Logo Vivid Logo N26

Vivid vs N26: caratteristiche e differenze

Partiamo con una rassegna delle principali caratteristiche e differenze tra i due conti digitali con carta.

Origine e tipo – Partono entrambi dalla Germania ma intraprendono strade diverse. N26 è un servizio più longevo e dunque più noto, soprattutto in Italia, dove la mobile bank ha aperto una succursale per poter rispondere ad alcune importanti richieste della voluminosa utenza italiana.

N26 è una banca a tutti gli effetti (dispone di licenza bancaria), mentre Vivid è un conto di pagamento (multivaluta) che si appoggia ai servizi bancari di SolarisBank. La loro attività è regolamentata, controllata ed aurorizzata dalle autorità finanziarie statali, e i depositi sono garantiti fino a 100.000 euro. Entrambe le soluzioni sono dunque affidabili.

Immagine: N26

N26 offre app e piattaforma web, seppur basilare, mentre Vivid la sola applicazione mobile, ma più strutturata.

IBAN e bonifico – Dall’origine dei conti nonché dalle loro sedi scaturiscono alcune conseguenze, ma non troppo significative. Entrambe le soluzioni forniscono un IBAN per la ricezione e l’invio di bonifici SEPA (cosiddetta europei), tuttavia quello di N26 è italiano (IT) e quello di Vivid Money tedesco (DE).

Cosa cambia? In realtà nulla: trattandosi di codici rilasciati nell’area SEPA presentano la medesima validità, in tutti i paesi della suddetta area. Possiamo usare tranquillamente l’IBAN tedesco di Vivid per domiciliare un’utenza in Italia, oppure per ricevere lo stipendio.

Riguardo il tipo di trasferimento, nessuna delle due al momento supporta il cosiddetto bonifico estero (SWIFT), ma in compenso N26 integra nella propria app i servizi di Wise, i quali permettono di inviare bonifici in tutto il mondo a costi contenuti.

Immagine: Vivid

Tracciamento degli abbonamenti

Vivid permette di tenere traccia e gestire tutti gli abbonamenti sottoscritti.

Carte incluse – Associata ai conti online vi è una carta di debito, cioè una sorta di “bancomat” che attinge direttamente dal conto ogni volta che si paga su POS o si preleva. Nel caso di Vivid è una Visa, con N26 viene fornita invece una MasterCard. Nessuna differenza rilevante: parliamo dei due circuiti più diffusi al mondo: entrambe le carte possono essere utilizzate all’estero.

C’è tuttavia da dire che, mentre Vivid include una carta fisica (in metallo), il conto base di N26 (Standard) fornisce la sola carta virtuale. Quella fisica è invece inclusa nei conti avanzati, ossia quelli a pagamento.

Investimenti e trading – Pur essendo una banca, N26 non propone alcuno strumento per investire o risparmiare ottenendo una remunerazione. Vivid fa invece ricorso ai servizi della tedesca CM Equity AG per offrire agli utenti la possibilità di acquistare azioni frazionate.

Il sistema delle azioni frazionate è molto interessante poiché non implica l’acquisto di un’azione “intera”, bensì lascia la libertà di acquistarne parte di essa, a partire da un solo centesimo. Si può investire in  Tesla, Apple, Amazon, Starbucks – per citare solo alcuni tra i più noti – avvalendosi peraltro del conto multivaluta, dunque risparmiando sul tasso di cambio.

Immagine: Mobile Transaction

App Vivid Money

Schermata principale app Vivid.

Immagine: N26

Schermata principale app N26.

Operazioni disponibili (e non) – Maggiori differenze si rinvengono in questo ambito, e la localizzazione di N26 si fa sentire. La banca tedesca con succursale italiana permette infatti di ricaricare il credito telefonico, di pagare bollo auto e bollettini, MAV e RAV – anche se, va detto – si serve di un servizio esterno, fornito da Enel X Pay.

Nulla di tutto ciò è possibile con Vivid. Le operazioni “italiane” non sono al momento disponibili, e non è detto che arriveranno così presto (come si può intuire, Vivid punta su altro più che sull’esecuzione di pagamenti).

Costi e commissioni

Entrambi i conti offrono diversi piani tariffari. Con N26 vi sono ben quattro opzioni di abbonamento, ma qui prendiamo in considerazione le due più popolari.

  • Vivid: Standard e Premium
  • N26: Standard e You
VividCarta Vivid N26
Richiedi
Carta fisica GRATIS Standard
10,00 €
You
GRATIS
Canone mensile Standard
GRATIS
Premium
9,90 €
Standard
GRATIS
You
9,90 €
Bonifico SEPA GRATIS GRATIS
Bonifico extra-SEPA
Non disponibile Tariffe Wise
P2P GRATIS GRATIS
Prelievo contanti (Euro) Importo ≥50€
Gratis fino a 200 € al mese
Importo <50€
3%
Standard
3 gratis, poi 2,00 €
You
GRATIS
Ricarica cellulare
Non disponibile GRATIS
Bollettini Non disponibile 2,00 €
Addebito diretto (SDD) GRATIS GRATIS
Accredito stipendio GRATIS GRATIS
Logo Vivid Logo N26
VividCarta Vivid N26
Richiedi
Carta fisica GRATIS Standard
10,00 €
You
GRATIS
Canone mensile Standard
GRATIS
Premium
9,90 €
Standard
GRATIS
You
9,90 €
Bonifico SEPA GRATIS GRATIS
Bonifico extra-SEPA
Non disponibile Tariffe Wise
P2P GRATIS GRATIS
Prelievo contanti (Euro) Importo ≥50€
Gratis fino a 200 € al mese
Importo <50€
3%
Standard
3 gratis, poi 2,00 €
You
GRATIS
Ricarica cellulare
Non disponibile GRATIS
Bollettini Non disponibile 2,00 €
Addebito diretto (SDD) GRATIS GRATIS
Accredito stipendio GRATIS GRATIS
Logo Vivid Logo N26

Le due opzioni Standard sono gratuite, vale a dire senza canone, ma salta agli occhi la commissione di 10 euro per ottenere una carta fisica con N26. Mentre con Vivid, ricordiamo, è inclusa una carta in metallo.

Non si notano differenze significative rispetto alle tariffe applicate, bensì nella gamma di operazioni consentite. È da notare tuttavia che, pur offrendo il pagamento di bollettini, N26 addebita una commissione piuttosto elevata (servizio PagaComodo): aprendo un Conto Enel X Pay, lo stesso servizio addebita solo 50 cent ad operazione.

Uso all’estero

Quanto si spende quando usiamo le rispettive carte all’estero, o meglio, nei paesi che adottano una moneta diversa dall’euro?

VividCarta Vivid N26
Prelievo contanti in altra valuta Stesse condizioni del prelievo EUR, con maggiorazione max. 1% Standard
1,7 %
You
GRATIS
Pagamento in altra valuta max. 1% GRATIS
Tasso di cambio Visa MasterCard
VividCarta Vivid N26
Prelievo contanti in altra valuta Stesse condizioni del prelievo EUR, con maggiorazione max. 1% Standard
1,7 %
You
GRATIS
Pagamento in altra valuta max. 1% GRATIS
Tasso di cambio Visa MasterCard

N26 risulta più economica della concorrente sulle operazioni in divisa estera, ma – attenzione – ricordiamo che Vivid è un conto multivaluta.

Con Vivid, dunque, possiamo convertire la moneta in anticipo (prima del viaggio e magari in un periodo con tasso di cambio favorevole) in modo da evitare il cambio ogni volta che si effettua un’operazione in un paese non-euro.

I piani di abbonamento con canone

Diversamente dalle due offerte Standard, Vivid Premium e N26 You sono i piani di abbonamento che prevedono un canone (9,90 € al mese per entrambi). Scopriamo quali sono le differenze che li distinguono dai rispettivi conti gratuiti.

Vivid Premium

Rispetto al piano senza canone, Premium aggiunge ulteriori monete disponibili (si passa da 40 a 107 divise). Le valute aggiuntive possono tornare utili agli utenti più esigenti ma, con tutta probabilità, buona parte dell’utenza non noterà neanche un simile aggiornamento.

L’impatto più evidente del passaggio dal conto gratuito a quello con canone è il cashback. Se con Standard si può accumulare fino a 20 euro di rimborsi al mese con le cosiddette Super Offerte dei grandi marchi, l’abbonamento Premium consente di raccogliere fino a 100 euro mensili.

Immagine: Mobile Transaction

Cashback su spesa Amazon

Il cashback viene accreditato all’istante.

Immagine: Mobile Transaction

Super offerte Vivid

Alcuni dei marchi che aderiscono all’iniziativa.

Si aggiunge un ulteriore cashback del 10% su marchi personalizzati, un 3% sulle transazioni in bar e ristoranti fuori Europa, l’1% su tutte le altre spese fuori Europa e, per finire, lo 0,1% su tutte le spese (anche in Italia e in Europa).

Oltre a recuperare facilmente il canone mensile (considerata l’importanza dei brand aderenti all’iniziativa), si può perfino trarre un vantaggio economico grazie al risparmio sulle spese effettuate.

Infine, con Vivid Premium la gratuità dei prelievi di contante si alza fino al limite di 1.000 euro mensili (purché siano di importo superiore a 50 euro).

N26 You

Completamente diversi sono i vantaggi offerti dal conto avanzato di N26, denominato You.

Innanzitutto, come anticipato nella tabella dei costi, non occorre pagare per l’emissione della carta fisica; inoltre l’utente potra sceglierla tra cinque colori diversi.

Aumenta il numero di sotto-conti (Spazi) disponibili: si passa da 2 a 10. Qui si potrà spostare parte del saldo per creare una sorta di salvadanaio digitale all’interno del conto principale. Si ricorda però che Vivid – già con il conto base, dunque gratuito – offre la possibilità di creare 15 sotto-conti (Pocket), anche in valuta estera.

Il salto di qualità di N26 You giunge con il pacchetto assicurativo incluso nel canone, dedicato a viaggio e mobilità. È inclusa nel canone una polizza sulle emergenze mediche all’estero, sul ritardo o cancellazione dei voli, sugli incidenti subiti durante la guida di veicoli in sharing e perfino nel praticare sport invernali.

Come aprire un conto?

La procedura di apertura del conto è simile e richiede pochi minuti.

Nel caso di Vivid, si scarica l’app da questo link e si procede subito con la compilazione del modulo anagrafico. Con N26 si visita il sito e si seleziona il piano scelto, quindi si procede al modulo.

Si consiglia di tenere a portata di mano:

  • carta d’identità o patente di guida;
  • tessera sanitaria;
  • e-mail e cellulare (per la ricezione di password temporanee).

Nel corso della procedura sarà necessario fotografarli, assicurandosi che i dati siano leggibili.

Oltre ai documenti è richiesta la verifica dell’identità attraverso lo scatto di un selfie. Allo stesso modo, l’immagine deve risultare nitida; in caso contrario l’apertura del conto potrebbe subire ritardi. N26 mette a disposizione anche la videochiamata con un operatore.

Per quanto riguarda il selfie, l’app Vivid chiede di seguire alcune semplici istruzioni che compaiono sullo schermo (ruotare la testa verso destra e/o sinistra).

In pochi giorni lavorativi riceveremo conferma della registrazione, dopo la quale si potrà procedere al login, alla ricarica del conto e alla richiesta della carta.

Come si ricaricano Vivid e N26?

N26 è in netto vantaggio rispetto al concorrente rispetto alle modalità di ricarica:

Ricarica Vivid N26
Bonifico
Carta
Contanti
ATM

Vivid mette a disposizione solo la ricarica tramite bonifico bancario.

Il conto N26 può essere ricaricato anche con contanti presso le casse dei supermercati Carrefour, Penny Market e Pam – con commissione pari all’1,5% dell’importo da ricaricare. I fondi vengono aggiunti all’istante.

Ugualmente istantanea è la ricarica con carta, tuttavia sconsigliata a causa del costo elevato (3%).

La nostra opinione – Vivid o N26?

Entrambi sono conti online con una carta di debito da poter usare per acquisti online e in negozio, in tutto il mondo, ma per il resto non sembrano avere molti punti in comune.

N26 è più popolare perché più longevo, ma gli anni in più di esperienza non sono serviti a progredire nell’integrazione di nuove funzionalità. Rimane un conto efficiente ma basilare, consigliato a chi non ha molte esigenze.

Vivid, al contrario, parte in quarta con un’offerta molto allettante, anche nel suo piano gratuito: programma cashback con rimborso immediato sulle spese (con decine e decine di marchi importanti), conto multivaluta, trading online con azioni frazionate.

La nostra preferenza tende verso Vivid ma, del resto, N26 può rappresentare un’ottima alternativa per chi cerca un prodotto semplice e senza fronzoli.