La nostra valutazione(3.5/5)
Il POS mobile Credem è destinato ai clienti della banca emiliana
Negozi, imprese e professionisti possono accettare pagamenti in mobilità grazie al POS mobile offerto da Credem

Cos’è e come funziona il POS mobile Credem? È facile fa usare? Quali sono costi e commissioni? Ci sono alternative?

Nella presente recensione scopriamo come funziona il lettore di carte di credito e le spese da affrontare.

Come funziona il POS mobile Credem

Diversamente dagli apparecchi tradizionali, il POS mobile è un lettore di carte che trasforma il proprio smartphone in terminale di pagamento.

Per attivare il servizio è necessario prendere appuntamento in filiale e, una volta ricevuto il dispositivo, installare sul cellulare Android o iOS-Apple un’applicazione (vedi App), alla quale accedere utilizzando le credenziali fornite dalla banca.

Occorre attivare la funzione Bluetooth del telefono.

Dopo alcuni istanti, nell’elenco dei dispositivi disponibili apparirà il POS mobile. Selezionando quest’ultimo si stabilità automaticamente la connessione tra cellulare e terminale.

Assicuriamoci che lo smartphone sia connesso ad internet.

Per ricevere un pagamento con carta si apre l’applicazione precedentemente installata sul telefono, qui si digita l’importo e si procede con l’inserimento della carta all’interno del terminale POS, quindi con l’immissione del codice segreto da parte del cliente.

Dopo aver digitato il suo PIN, il cliente pigia il tasto verde per confermare l’operazione.

Carte accettate

Una volta completata la transazione, l’app chiede di inserire il numero di cellulare o l’indirizzo e-mail del cliente così da inviare la ricevuta digitale. Il POS Credem non può essere collegato a stampanti esterne, dunque può fornire ricevute cartacee.

Il terminale

Credem non fa eccezione e, insieme ai suoi concorrenti nel settore bancario, si serve del lettore di carte Ingenico iCMP.

Questo dispositivo è di dimensioni compatte e leggero, dunque può essere portato con sé senza alcun ostacolo per i servizi a domicilio.

È di colore nero con tasti alfanumerici bianchi, la cui visibilità è messa in risalto dal contrasto con lo sfondo. Non esistono altri modelli o versioni del POS mobile Credem.

Il peso del dispositivo si ferma a poco più di 100 grammi, tra i più leggeri in circolazione.

Oltre alle carte con chip e banda magnetica, la tecnologia NFC gli permette di ricevere pagamenti contactless, ossia senza il contatto diretto tra la carta e il terminale. Allo stesso modo, elabora transazioni con Apple Pay, Google Pay e Samsung Pay.

Gli acquisti contactless di importo pari o inferiore a 25 euro non richiedono l’inserimento del PIN.

Il POS mobile di Ingenico può elaborare pagamenti con carta ovunque

Credem fornisce il terminale Ingenico iCMP per carte con chip e conctactless

La batteria del POS mobile ha una durata media di 3 giorni.

Credem permette – attraverso il servizio acquiring Nexi – di ricevere pagamenti dai circuiti PagoBancomat, MasterCard, Visa, VPay, Maestro, JCB e UnionPay. Le carte American Express non vengono accettate, tuttavia si può sottoscrivere un accordo diretto con tale circuito.

Costi e commissioni

Nella seguente tabella si elencano in modo sintetico costi e commissioni relativi alla soluzione Credem.

Costo
InstallazioneNuovi clienti: € 105
Già clienti: € 89
Canone mensile€ 28,25

Il costo di installazione risulta anomalo: il collegamento tra lettore di carte e cellulare può essere effettuato in semplici passaggi dallo stesso esercente.

Commissioni per singola transazione

Qui di seguito sono riportate le commissioni massime. Di fatto, quelle realmente applicate risultano inferiori, anche se strettamente al transato mensile dell’attività.

CircuitoCommissione
(max.)
PagoBancomat
debito / prepagata
0.70 %
Visa e VPay
debito / prepagata
8.05 %
Visa
carta di credito
8.15 %
MasterCard e Maestro
debito / prepagata
8.00 %
MasterCard
carta di credito
8.40 %
JCB8.70 %
UnionPay8.95 %

Mentre le commissioni PagoBancomat sono convenienti, le tariffe applicate agli altri circuiti risultano più elevate. A queste si deve aggiungere il canone mensile dovuto alla banca, indipendentemente dalla frequenza d’uso del POS.

L’app per smartphone

L’applicazione non è uno strumento opzionale, bensì il centro di controllo del servizio POS mobile Credem. Senza app non sarebbe possibile ricevere pagamenti con carta utilizzando questo sistema.

Non disponendo di una propria app, Credem si serve dell’applicazione già disponibile insieme al servizio acquiring di Nexi, denominata Mobile POS di Nexi.

Si scarica gratuitamente sugli store virtuali Google Play per Android e App Store per iOS-Apple.

Per accedervi sarà necessario inserire i dati (username e password) forniti dalla banca nel momento della sottoscrizione.

Dopo aver effettuato il login, digitando l’importo dovuto dal cliente si attiverà il terminale mobile, che a quel punto sarà pronto per leggere i dati della carta di pagamento.

La grafica dell’app Nexi è fresca, chiara e moderna, tuttavia dando un’occhiata alle opinioni degli utenti si rileva un’alto grado di insoddisfazione.

Mobile POS Nexi è l’applicazione per gestire i pagamenti del terminale

Alcuni dei disservizi comunemente riscontrati riguardano aspetti essenziali per il corretto funzionamento del terminale POS.

Tra gli inconvenienti segnalati compare una debolezza del collegamento tra lettore di carte e smartphone, a causa della quale alcune volte non si riesce a concludere la transazione.

Essendo a conoscenza di tali disservizi si consiglia di analizzare e informarsi con la dovuta attenzione circa gli eventuali aggiornamenti e risoluzione del problema. Nel momento in cui questa recensione viene scritta, tali problematiche sembrano non essere risolte.

La nostra opinione

Il successo della tecnologia mobile nel campo dei pagamenti digitali ha spinto Credem ad introdurre nella sua gamma di prodotti il POS per smartphone. Non disponendo di sistemi propri, fa affidamento sull’acquirer italiano, Nexi, e su Ingenico per la fornitura del terminale.

La loro affidabilità non si discute ma – come abbiamo visto nel paragrafo precedente – inconvenienti legati all’applicazione potrebbero causare interruzioni e gravi disservizi.

Un’analisi dei costi è tuttavia doverosa.

Il costo di installazione è francamente irricevibile. Installare un POS mobile vuol dire collegarlo al proprio smartphone: nulla di così complicato da richiedere aiuto tecnico.

La presenza di un canone mensile costituisce poi una spesa fissa, la cui convenienza è da valutare in base ai seguenti fattori: commissioni per transazione e frequenza d’uso.

Piccole imprese e attività con un volume basso di transato elettronico dovrebbero consultare proposte diverse, senza costi fissi e con tariffe per transazione lievemente più alte della media: la bassa frequenza di utilizzo permetterà di risparmiare sulla spesa complessiva mensile.

Name of Reviewed Item: POS mobile Credem IT Rating Value: 3.5 Review Author:Review Date: