Stripe o Revolut Business? I due sistemi di pagamento online si fanno concorrenza con tariffe invitanti e una gamma di funzionalità per ogni esigenza.

A distinguere in modo chiaro le due soluzioni sono, come stiamo per vedere, proprio questi due aspetti: condizioni economiche e varietà di servizi offerti alle imprese e dunque ai loro clienti.

Quale scegliere? Cerchiamo di capirlo nel presente articolo, mettendo a confronto costi e tariffe, funzioni e servizi, opinioni degli utenti, pro e contro delle opzioni per incassare tramite e-commerce.

Confronto Stripe Revolut Business
Costi e commissioni Nessun costo fisso

Transazioni:
1,5 – 3,25 % + 0,25 €
0 – 100 €/mese

Transazioni:
1,0 – 2,8 % + 0,20 €
Accrediti Su qualsiasi conto corrente in un 7 giorni lavorativi Su conto Revolut Business in 1 giorno lavorativo
Carte accettate VisaMastercardMaestroAmerican ExpressUnionPayDiners ClubDiscover VisaMastercardMaestro
Wallet digitali Google PayApple Pay
Altri metodi Addebito su conto, PayPal, Klarna, Scalapay, Nexi Pay, AliPay, WeChat Pay, POS fisico Revolut Pay, POS fisico
Confronto Stripe Revolut Business
Costi e commissioni Nessun costo fisso

Transazioni:
1,5 – 3,25 % + 0,25 €
0 – 100 €/mese

Transazioni:
1,0 – 2,8 % + 0,20 €
Accrediti Su qualsiasi conto corrente in un 7 giorni lavorativi Su conto Revolut Business in 1 giorno lavorativo
Carte accettate VisaMastercardMaestroAmerican ExpressUnionPayDiners ClubDiscover VisaMastercardMaestro
Wallet digitali Google PayApple Pay
Altri metodi Addebito su conto, PayPal, Klarna, Scalapay, Nexi Pay, AliPay, WeChat Pay, POS fisico Revolut Pay, POS fisico

Costi e commissioni a confronto

Mentre Stripe propone un unico piano per professionisti e PMI, Revolut – che include anche un conto business multivaluta – ramifica la sua offerta in molteplici piani per lavoratori autonomi e altrettanti per aziende.

Stripe Revolut
Canone mensile Gratis Per professionisti

  • Free: gratis
  • Professional: 7 €
  • Ultimate: 25 €

Per aziende

  • Free: gratis
  • Grow: 25 €
  • Scale: 100 €
Accredito su conto Gratis Gratis
Contestazione di addebito (chargeback) 20 € 15 € (variabile in base alla valuta della transazione)
Stripe Revolut
Canone mensile Gratis Per professionisti

  • Free: gratis
  • Professional: 7 €
  • Ultimate: 25 €

Per aziende

  • Free: gratis
  • Grow: 25 €
  • Scale: 100 €
Accredito su conto Gratis Gratis
Contestazione di addebito (chargeback) 20 € 15 € (variabile in base alla valuta della transazione)

Stripe e il piano Free di Revolut per professionisti e imprese non comportano alcun costo mensile.

Gli utenti Revolut possono optare anche per un piano a pagamento, con canone mensile, per beneficiare di condizioni migliori – ad esempio un numero più alto di bonifici gratuiti e un volume mensile più elevato di cambio valuta senza commissioni. Per ulteriori dettagli consigliamo di dare un’occhiata alla Recensione Revolut Business.

Insomma, anche i piani in abbonamento di Revolut possono essere molto convenienti a seconda delle esigenze professionali e aziendali.

Nessun costo è previsto per l’accredito degli incassi su conto.

In caso di controversia con un cliente, se quest’ultimo avvia la pratica di contestazione di addebito (chargeback) saranno addebitati 20 euro da Stripe o 15 euro da Revolut.

Scopriamo ora le commissioni applicate per ogni transazione elaborata:

Stripe Revolut
Carte europee per privati 1,5 % + 0,25 € 1 % + 0,20 €
Carte britanniche 2,5 % + 0,25 € 2,8 % + 0,20 €
Carte non europee e/o commerciali 3,25 % + 0,25 € 2,8 % + 0,20 €
Maggiorazione in caso di cambio valuta 2 % 0,6 % al superamento della soglia mensile gratuita
Link
Stripe Revolut
Carte europee per privati 1,5 % + 0,25 € 1 % + 0,20 €
Carte britanniche 2,5 % + 0,25 € 2,8 % + 0,20 €
Carte non europee e/o commerciali 3,25 % + 0,25 € 2,8 % + 0,20 €
Maggiorazione in caso di cambio valuta 2 % 0,6 % al superamento della soglia mensile gratuita
Link

La spesa complessiva dipende soprattutto dal volume di transazioni elaborate e dal tipo di carta usato dai clienti. Sulle carte per privati emesse nello Spazio Economico Europeo (SEE) è Revolut a proporre la tariffa più economica.

In entrambi i casi le commissioni aumentano sulle carte emesse fuori SEE e sulle quelle commerciali (es. carte aziendali), indipendentemente dalla zona di emissione.

Quando i clienti pagano con una carta extra-SEE entra in gioco anche la maggiorazione sul cambio valuta: Stripe aggiunge un 2% alla tariffa base, Revolut si ferma allo 0,6% (tra le più convenienti del mercato, se non la più conveniente in assoluto). Da sottolineare, poi, che Revolut concede una soglia mensile di conversione gratuita a seconda del piano sottoscritto:

  • Professional (autonomi): 5.000 €
  • Ultimate (autonomi): 10.000 €
  • Grow (imprese): 10.000 €
  • Scale (imprese): 50.000 €

I piani Revolut senza canone per professionisti e imprese (Free) pagano fin da subito la commissione sul cambio.

Un quadro abbastanza chiaro che non richiede stime e calcoli: le commissioni del servizio Revolut Online per ricevere pagamenti con carta sul web sono più convenienti.

C’è tuttavia un punto a favore di Stripe, cioè la varietà di metodi di pagamento disponibili:

Metodo di pagamento Stripe Revolut
Addebito SEPA 0,35 €
PayPal 0,2 % + 0,10 €
(in aggiunta alle tariffe PayPal)
Alipay, WeChat Pay
2,9 % + 0,25 €
Klarna 4,99 % + 0,40 €

Cambio valuta: 2 %
Pagamenti one-click (Link / Revolut Pay)
1,2 % + 0,25 € 1 % + 0,20 €
POS fisico 1,4-2,9 % + 0,10 € 0,8-2,6 % + 0,02 €
Metodo di pagamento Stripe Revolut
Addebito SEPA 0,35 €
PayPal 0,2 % + 0,10 €
(in aggiunta alle tariffe PayPal)
Alipay, WeChat Pay
2,9 % + 0,25 €
Klarna 4,99 % + 0,40 €

Cambio valuta: 2 %
Revolut Pay 1 % + 0,20 €
Pagamenti one-click (Link / Revolut Pay)
1,2 % + 0,25 € 1 % + 0,20 €
POS fisico 1,4-2,9 % + 0,10 € 0,8-2,6 % + 0,02 €

Se una o più modalità di pagamento tra quelle sopraelencate sono indispensabili, allora sarà difficile rinunciare a un gateway di pagamento completo come quello di Stripe.

Questi metodi “extra” comportano commissioni più elevate ma, a seconda del target di clienti del negozio online, alcuni risulteranno irrinunciabili.

Revolut Business ha però un asso nella manica. Revolut Pay consente di elaborare transazioni con una tariffa dell’1% + 0,20€, in pratica senza concorrenza. Approfondiamo più avanti questo sistema comodo per i clienti ed economico per gli esercenti.

Gateway per ricevere pagamenti nei negozi online

Il gateway di pagamento non è altro che il sistema che permette di elaborare transazioni online. Se abbiamo un sito web, un blog o un e-commerce possiamo aggiungere il gateway o i pulsanti di Stripe o di Revolut Business per ricevere pagamenti con carta e con le altre modalità incluse nella soluzione scelta.

Breve parentesi: alcune piattaforme per la creazione di negozi online presentano sistemi di pagamento interni, con attivazione pressoché immediata (vedi Confronto piattaforme e-commerce).

La comodità delle soluzioni all-in-one si paga tuttavia con tariffe elevate. Del resto, come stiamo per vedere, quasi sempre anche Stripe e Revolut Online si implementano in modo agevole, con qualche breve passaggio.

Implementazione tramite API o plugin

Le imprese che necessitano di un’esperienza personalizzata sia lato esercente che lato utente possono ricorrere in entrambi i casi alle API. Tale metodo di implementazione richiede l’intervento di uno sviluppatore web esperto, ma fortunatamente viene messa a disposizione una modalità decisamente più facile per integrare i gateway di pagamento al proprio sito web: il plugin.

Grazie al plugin chiunque può implementare i due sistemi in pochi passaggi, sempre che la piattaforma e-commerce dell’utente sia compatibile con i suddetti plugin dei gateway di pagamento.

Plugin ufficiale Stripe Shopify
WooCommerce
Shopify
Prestashop
BigCommerce
Magento 2
OpenCart
Squarespace
WP EasyCart
X-Cart
Plugin ufficiale Stripe Shopify
WooCommerce
Shopify
Prestashop
BigCommerce
Magento 2
OpenCart
Squarespace
WP EasyCart
X-Cart

Sia Stripe che Revolut Online forniscono plugin per WooCommerce di Wordpress, Shopify, Prestashop, BigCommerce.

In aggiunta a quelli appena elencati, Magento 2 e OpenCart sono compatibili con i plugin ufficiali di Shopify, mentre Stripe è compatibile con Squarespace, WP EasyCart e X-Cart.

Quali metodi di pagamento sono disponibili?

Differenze significative arrivano in campo di metodi di pagamento. Stripe vince a mani basse, sia per quanto riguarda le transazioni con carta, sia per la varietà di metodi alternativi.

Iniziamo dai pagamenti con carta, ossia la modalità più utilizzata per le transazioni online (secondo i dati forniti da Stripe, le carte coprono il 42% delle transazioni, seguite dal 28% dei wallet digitali).

Scegliendo Stripe, i clienti potranno pagare con Visa, Mastercard, Maestro, Postepay, American Express, JCB, UnionPay, Diners, Discover, Cartes Bancaires (CB), Bancontact.

Con Revolut è possibile accettare solo Visa, Mastercard e Maestro. È un problema? A nostro avviso no, a meno che non si punti a vendere in Asia. Buona parte delle carte di credito, di debito e prepagate operano infatti su circuito Visa e Mastercard.

Revolut permette di pagare online anche con richieste di pagamento a distanza

Revolut permette di pagare con inserimento dei dati della carta o in un clic tramite wallet digitali.

Entrambe le soluzioni consentono di pagare con carta anche tramite Apple Pay e Google Pay, senza costi aggiuntivi. Questi due wallet permettono di velocizzare la procedura sostituendo l’inserimento dei dati della carta con una rapida autorizzazione tramite riconoscimento biometrico (impronta digitale o riconoscimento facciale), oppure con codice di sblocco del telefono.

Il sistema di Stripe consente poi di attivare le seguenti modalità:

  • PayPal
  • Addebito su conto corrente SEPA, GBP, USD
  • Nexi Pay
  • Sofort
  • iDeal
  • Klarna,
  • Scalapay
  • AliPay
  • WeChat Pay

Grazie a soluzioni come Klarna e Scalapay i clienti potranno rateizzare i loro acquisti, ma con commissioni per l’esercente abbastanza elevate. Tariffe salate anche con PayPal, AliPay e WeChat Pay, mentre i metodi che prevedono l’addebito diretto su conto corrente richiedono una tariffa fissa di 30-40 centesimi (potrebbe essere conveniente sugli acquisti di importo elevato).

Link è il pagamento one click di Stripe

Pagamento one-click di Stripe.

Nessuna delle modalità sopraelencate è disponibile con Revolut Online, ma un ottimo incentivo per gli esercenti è offerto da Revolut Pay.

Si tratta di una modalità one-click che permette agli utenti Revolut di pagare in un istante senza necessità di inserire dati, e ai clienti non titolari di conto Revolut di registrare i dati della propria carta in Revolut Pay per pagare con altrettanta rapidità nei prossimi acquisti tramite Revolut Pay. In pratica un concorrente di PayPal, ma molto più economico. Assolutamente consigliato.

Anche Stripe ha il suo sistema per gli acquisti one-click, Link, tuttavia la tariffa migliore rimane quella del concorrente.

Pagamenti a distanza e POS fisico

Oltre al gateway da integrare a negozi online e siti web, i due marchi includono nell’offerta altre modalità per incassare con carta in presenza oppure a distanza.

Le transazioni a distanza avvengono tramite link o richieste di pagamento, destinate alla gestione di un numero modesto di vendite a distanza, ad esempio per ordini telefonici con consegna a domicilio.

La procedura per inviare la richiesta di pagamento tramite link è pressoché identica con Stripe e Revolut: dalla piattaforma web o in app l’esercente digita l’importo e conferma; il sistema genera un link che l’esercente copia e invia al cliente tramite app di messaggistica (es. SMS, Whatsapp, Messenger) oppure e-mail; il cliente clicca sul link e accede alla pagina di pagamento.

Per quanto riguarda i costi, si applicano le medesime commissioni del gateway di pagamento riportate nella sezione precedente.

Pay by link di Stripe (pagina di pagamento).

Per creare un link di pagamento con Revolut si seleziona nuova richiesta, poi la modalità link

Creazione del link con Revolut.

Si può incassare anche in presenza con i terminali di pagamento fisici. Revolut Business applica ottime tariffe sui pagamenti in presenza, tanto da poter competere con le più popolari soluzioni per piccole imprese e professionisti.

Peccato che il POS Revolut richieda necessariamente il collegamento Bluetooth con uno smartphone, poiché non munito di SIM dati. Per approfondire invitiamo a consultare la nostra Recensione Revolut Reader.

Più elevate sono le commissioni del POS Stripe, ma pur sempre ragionevoli per un basso volume mensile di incassi elettronici. In questo caso si può scegliere un lettore di carte per smartphone oppure un terminale portatile. Ne parliamo nella Recensione Stripe Terminal.

Gli altri servizi di Stripe e Revolut Business

Si è accennato accennato al fatto che Stripe è un’azienda specializzata nell’elaborazione di transazioni online per ogni tipo di attività, dal lavoratore autonomo alla grande azienda (in quest’ultimo caso propone soluzioni e condizioni personalizzate).

Alle funzioni già menzionate si aggiungono servizi come gestione frodi e rischi (Radar) con la tecnologia del machine learning, verifica dell’identità online, gestione degli abbonamenti (cioè dei pagamenti ricorrenti in entrata). Vengono inoltre offerte funzioni per automatizzare contabilità e imposte, nonché la creazione di report personalizzati.

Report personalizzati di Stripe.

Nella pagina principale dell'app si sceglie il sotto-conto per visualizzare tutte le transazioni in una determinata valuta

Conto multivaluta di Revolut.

Revolut Business, dal canto suo, è prima di tutto un conto online multivaluta con IBAN e carte di debito Mastercard.

Il conto multivaluta costituisce un enorme vantaggio per imprese e lavoratori autonomi con fornitori e/o clienti esteri, poiché consente – come visto anche nella sezione costi del presente articolo – di risparmiare sulle dispendiose commissioni applicate alla conversione di moneta.

Nella sua versione business (è disponibile anche per privati), Revolut permette poi di attivare carte aziendali per sé e per i propri dipendenti e collaboratori. Ogni carta può essere personalizzata con budget e altre regole di spesa (categorie di spesa, tipo di transazione).

Parliamo dunque di due servizi fondamentalmente diversi, che tuttavia si incontrano nell’offerta di gateway di pagamento e pay-by-link.

Assistenza clienti e recensioni degli utenti

Abbiamo esaminato le recensioni degli utenti e quello dell’assistenza clienti sembra essere il punto debole di entrambe le società.

Utenti Stripe e Revolut lamentano spesso problematiche simili, in primis una certa difficoltà nell’entrare in contatto con il servizio di supporto.

Nel caso di Stripe si compila un modulo e si attende una chiamata dall’assistenza clienti, che però tarda ad arrivare (alcuni parlano di un tempo di attesa fino a 10 giorni, indipendentemente dal tipo di problema segnalato). Revolut invece predilige l’uso di chat bot che, dopo una serie di domande e risposte automatiche, lasciano spazio a operatori che, a quanto pare, mostrano problemi con la lingua italiana.

Dalle recensioni degli utenti emerge poi un problema comune che desta un po’ di preoccupazione, ossia la sospensione dei conti e dei fondi presenti. Questa critica, va detto, si riscontra in tanti altri servizi finanziari business e la causa si rinviene nelle rigide norme anti-riciclaggio. Gli istituti finanziari sono infatti responsabili per eventuali attività illecite dei propri clienti, dunque fanno di tutto per tutelarsi.

Ciò detto, rimane l’inefficienza dell’assistenza clienti che, in seguito a blocchi e sospensioni, non agisce né tempestivamente né in modo efficace.

Quale scegliere tra Stripe e Revolut? La nostra opinione

Stripe e Revolut Online sono entrambe opzioni molto interessanti per ricevere pagamenti online con carta e, nel caso di Stripe, con altri metodi che facilitano e incentivano le vendite.

Se si predilige una scelta puramente economica, le commissioni proposte da Revolut Business sulle transazioni online sono migliori; inoltre fa risparmiare in caso di conversione di valuta, cioè se un cliente paga con una carta emessa in un paese extra-Euro. Avendo fornitori e clienti all’estero, la scelta dovrebbe cadere su Revolut senza esitazioni.

Non mancano motivi validi per l’adozione di Stripe, che presenta comunque tariffe ragionevoli sulle carte europee (molto meno sulle transazioni in valuta estera). Il suo vantaggio è la varietà dei metodi di pagamento: oltre alle carte è possibile attivare gli addebiti SEPA su conto corrente (ideali per i pagamenti ricorrenti ma anche per gli acquisti occasionali), PayPal, Klarna e Scalapay per la rateizzazione, le app Alipay e WeChat Pay (indispensabili se si vende molto in Cina).

Per riassumere il confronto, con Stripe si dispone di una migliore personalizzazione e ottimizzazione dei metodi e dei processi di pagamento ed è dunque indicata a imprese, ditte e professionisti specializzati nella vendita online; Revolut Business è un conto aziendale per bonifici, pagamenti PagoPA, carte business, gestione delle spese e, infine, anche un gateway di pagamento.